Villa Regina di Boscoreale è ancora chiusa al pubblico. Ma non si sono mai fermati gli interventi di restauro e manutenzione qui riassunti da Elena Gravina, restauratrice del parco archeologico di Pompei

Villa Regina a Boscoreale, l’unica villa rustica (fattoria) del I sec. a.C. – I sec. d.C. interamente scavata (foto parco archeologico di Pompei)

Villa Regina a Boscoreale, a un passo da Pompei, è ancora chiusa al pubblico. Il parco archeologico di Pompei, che ha già provveduto ad aprire ai visitatori gli scavi di Pompei, riaprirà le porte della villa rustica appena le condizioni lo renderanno possibile. Ma se il sito è chiuso al pubblico, non lo è certo agli addetti ai lavori. Con un breve contributo filmato, Elena Gravina, funzionaria restauratrice del Parco, ci porta alla scoperta di Villa Regina e delle attività di manutenzione e restauro portate avanti in questi anni e che non si fermano neppure in tempi di pandemia.

“Siamo a villa Regina”, spiega Elena Gravina, “che è una villa rustica situata nell’Ager Pompeiano, precisamente a Boscoreale, ossia un chilometro a Nord di Pompei. E come l’antica città di Pompei anche questa villa fu sepolta dall’eruzione del 79 d.C. Venne scavata in tempi recenti, nel 1977, in seguito a lavori urbanistici in zona. Questa villa, come le altre nei territori di Torre Annunziata, Torre del Greco e di Castellammare di Stabia, fanno parte dell’area di competenza del parco archeologico di Pompei. Nel 2019 sono stati conclusi i lavori di restauro, che sono stati integrali. A partire da un restauro e un recupero in senso filologico delle coperture della villa, un recupero degli apparati decorativi e consolidamento delle strutture murarie, e un consolidamento anche degli elementi dei manufatti realizzati attraverso i calchi in gesso e in calcestruzzo che si trovano all’interno e all’esterno della villa. Successivamente ai lavori di restauro, conclusi nel 2019, approfittando anche di questo periodo di chiusura della villa al pubblico e ai visitatori, procede l’attenta manutenzione e lavori di manutenzione programmata che vengono eseguiti periodicamente con cadenza semestrale per quanto riguarda le operazioni di manutenzione ordinaria, e biennale per quanto riguarda le operazioni di manutenzione straordinaria. Le prime operazioni da compiere sono quelle fatte a seguito di un monitoraggio. Il monitoraggio è un controllo dei fenomeni di degrado delle superfici decorate; un controllo della vegetazione, della patina biologica, che qui come in tanti luoghi e posti archeologici è un problema costante. Soprattutto qui che è una villa sottoposta rispetto al livello del piano odierno di calpestio di circa 8-9 metri. Quindi c’è un problema di risalita capillare e con il periodico ciclico formarsi e migrare in superficie dei sali solubili. Quindi un monitoraggio costante, una rimozione e asportazione delle polveri dei depositi parzialmente coerenti come di terriccio, una rimozione dei depositi di guano e una attenta analisi dei manufatti che sono posti all’interno e all’esterno della villa, come i dolia in terracotta o i manufatti realizzati in calcestruzzo o in gesso che traggono i calchi o delle radici degli alberi o degli elementi per la produzione agricola, come il Torcularium all’interno della villa. Invece operazioni di manutenzione straordinaria si eseguono con cadenza biennale e prevedono interventi di consolidamento dell’intonaco, interventi di coesione e ristabilimento della pellicola pittorica e interventi di riqualificazione estetica, particolarmente importanti per le superfici decorate come il Larario o come gli affreschi presenti nel triclinio che sono riconducibili a una fase tra il III e il IV stile. La manutenzione programmata, l’osservazione costante e il monitoraggio dei fenomeni di degrado – conclude – garantiscono una prevenzione adeguata alla conservazione della villa e di tutte le superfici e manufatti in essa conservati”.

Tag:, ,

Una risposta a “Villa Regina di Boscoreale è ancora chiusa al pubblico. Ma non si sono mai fermati gli interventi di restauro e manutenzione qui riassunti da Elena Gravina, restauratrice del parco archeologico di Pompei”

  1. Italina Bacciga dice :

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: