Archeologia medievale. A Novi di Modena quattro incontri di approfondimento della mostra “In loco ubi dicitur Vicolongo. L’insediamento medievale di Santo Stefano a Novi di Modena”: un percorso tra i castelli emiliani e quelli dell’Italia settentrionale, con particolare attenzione ai sistemi difensivi

Ricostruzione della trasformazione del castrum in fortilizio signorile (XIII – XIV secolo)

La locandina della mostra “In loco ubi dicitur Vicolongo”

In concomitanza con la mostra “In loco ubi dicitur Vicolongo. L’insediamento medievale di Santo Stefano a Novi di Modena”, in corso alla Sala EXPO Polo Artistico Culturale, in viale G. Di Vittorio n. 30 a Novi di Modena fino al 25 aprile 2018 (vedi https://archeologiavocidalpassato.wordpress.com/2018/02/23/nella-campagna-tra-novi-di-modena-e-concordia-del-secchia-in-25-anni-di-ricerche-scoperto-e-salvato-dal-passaggio-di-unautostrada-un-castrum-villaggio-rurale-e-castello-altomedievale-ora-a/), la soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e il Comune di Novi di Modena promuovono quattro incontri di approfondimento sui temi proposti dalla mostra, tutti a ingresso libero, nella sala civica “Ezio Ferraresi”, piazza 1° Maggio 19, a Novi di Modena (MO). I quattro incontri serali approfondendo i temi della mostra, delineano il contesto territoriale e i precedenti storici in cui si colloca l’antico castrum. Un percorso tra i castelli emiliani e quelli dell’Italia settentrionale, con particolare attenzione ai peculiari aspetti della loro difesa. Si inizia mercoledì 28 marzo 2018, alle 21, con Mauro Librenti (università Ca’ Foscari – Venezia) su “Archeologia dei castelli emiliani tra X e XIII secolo”; quindi mercoledì 4 aprile 2018, alle 21, Aldo A. Settia (già università di Pavia) su “Castelli e incastellamento nel regno italico (secoli X-XV)”; venerdì 13 aprile 2018, alle 21, Massimiliano Righini (coll. SABAP BO, Istituto Italiano dei Castelli) su “Guerrieri, armi e tattiche militari in Italia tra XII e XIV secolo”. Ultimo incontro martedì 17 aprile 2018, alle 21, Mauro Calzolari (università di Ferrara, Gruppo Studi Bassa Modenese) e Francesca Foroni (coll. SABAP BO, Gruppo Studi Bassa Modenese) su “Novi e la bassa modenese dall’età romana al pieno Medioevo: il territorio, gli insediamenti e le testimonianze archeologiche”. Le conferenze sono realizzate con la collaborazione della Pro Loco “Adriano Boccaletti” di Novi di Modena, del Gruppo Storico Novese, del Gruppo Archeologico Carpigiano, del Circolo Naturalistico Novese, del Gruppo Studi Bassa Modenese e dell’Istituto Italiano dei Castelli, sezione Emilia-Romagna.

Tag:, , , , , , , , , ,

Una risposta a “Archeologia medievale. A Novi di Modena quattro incontri di approfondimento della mostra “In loco ubi dicitur Vicolongo. L’insediamento medievale di Santo Stefano a Novi di Modena”: un percorso tra i castelli emiliani e quelli dell’Italia settentrionale, con particolare attenzione ai sistemi difensivi”

  1. Italina Bacciga dice :

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: