Archivio tag | Paleoantropologia

Paleoantropologia in lutto. Si è spento nella sua Nairobi a 77 anni il “padre dell’Homo erectus” Richard Leakey, figlio di Louis e Mary Leakey che gli hanno trasmesso la passione per la ricerca di fossili umani. Ha dimostrato che l’umanità si è evoluta in Africa. Sua la scoperta del “Ragazzo del Turkana” di 1.6 milioni di anni fa

Il paleoantropologo kenyota Richard Leakey si è spento all’età di 77 anni

“Origins” è stato il suo primo libro famoso. Lo scrisse nel 1977, quasi alla fine di un decennio era stato protagonista di spedizioni in Kenya con la scoperta dei crani fossili di Homo habilis (1,9 milioni di anni) nel 1972 e di Homo erectus (1,6 milioni di anni) nel 1975 che ricalibrarono la comprensione scientifica dell’evoluzione umana. Un successo sancito dalla copertina della rivista Time con Richard Leakey in posa con un modello di Homo habilis sotto il titolo “How Man Became Man”. L’inizio dell’anno si è portato via all’età di 77 anni il famoso paleoantropologo, ambientalista e politico keniano Richard Leakey, le cui scoperte rivoluzionarie hanno contribuito a dimostrare che l’umanità si è evoluta in Africa. È morto il 2 gennaio 2022 nella sua casa fuori Nairobi, dove era nato il 19 dicembre 1944 da Louis e Mary Leakey, tra i più famosi scopritori mondiali di ominidi. Leakey ha ereditato dai genitori la vocazione per la paleoantropologia, ovvero lo studio dei reperti fossili umani. Ad annunciarne la morte “con profondo dolore” il presidente del Kenia, Uhuru Kenyatta. Leakey soffriva da anni di tumori alla pelle e affezioni renali ed epatiche. Nel 1969 gli era stata diagnosticata una malattia renale terminale, e nel 1979, all’aggravarsi della malattia, aveva ricevuto un trapianto di rene da suo fratello Philip, permettendogli di riprendersi. 

kenya_ragazzo-del-turkana_scheletro

Lo scheletro fossile del “Ragazzo del Turkana” di 1.6 milioni di anni fa scoperto da Richard Leakey

kenya_ragazzo-del-turkana_fase-della-ricostruzione-facciale

Le fasi della ricostruzione facciale del “Ragazzo del Turkana” di 1.6 milioni di anni fa

Era già un noto cacciatore di fossili quando fece il suo ritrovamento di fossile più famoso: il Ragazzo del Turkana. Era il 23 agosto 1984 quando l’équipe diretta del paleoantropologo Richard Leakey, nel giacimento di Nariokotone in prossimità delle sponde del lago Turkana in Kenya, scoprì uno scheletro quasi completo (mancano soprattutto mani e piedi), di un giovane Homo ergaster morto a circa 9-12 anni, 1.6 milioni di anni fa all’inizio del Pleistocene. Classificato inizialmente come Homo erectus viene ora attribuito alla specie Homo ergaster. La scoperta e la sua interpretazione fu riportata nel libro “Origins Reconsidered”, scritto da Leakey con Roger Lewin e pubblicato nel 1992. Ma Richard Leakey si era già allontanato dalla paleontologia fin dal 1989, lasciando la moglie Meave Leakey e la figlia Louise Leakey a condurre le ricerche paleontologiche nel Nord del Kenya, e dedicandosi alla difesa dell’ambiente e contrastando il bracconaggio degli elefanti, come presidente del Kenya Wildlife Service (KWS).

Paleoantropologia. L’Australopithecus Sediba, l’ominide più vicino al genere Homo, vissuto due milioni di anni fa, scoperto in Sudafrica, non poteva masticare cibi duri: nella ricerca internazionale anche l’università di Bologna

Il cranio fossile di Australopithecus Sediba scoperto in Sudafrica nel 2008

Il cranio fossile di Australopithecus Sediba scoperto in Sudafrica nel 2008

La scoperta risale al 2008. Siamo in Sudafrica. Vicino a Johannesburg, nella grotta di Malapa, i paleoantropologi hanno rinvenuto il cranio fossile di Australopithecus Sediba, una specie pre-umana che visse circa due milioni di anni fa in Sud Africa, ritenuto uno dei principali antenati del genere Homo. Su quel cranio fossile gli studiosi hanno realizzato un modello digitale e ne hanno simulato la capacità di masticazione applicando una serie di metodi biomeccanici, simili a quelli comunemente utilizzati in campo ingegneristico per testare la resistenza alla rottura di costruzioni e macchinari come ponti, aeroplani, autovetture. E i risultati della ricerca, pubblicati nel febbraio 2016 sulla rivista “Nature communications”, sono stati davvero sorprendenti. Diversamente da alcune specie di Australopithecus che hanno fatto fronte ai cambiamenti ambientali avvenuti fra tre e due milioni di anni fa adattandosi a diete coriacee, il “sediba” ha rivelato un apparato masticatorio che limitava la sua capacità di masticazione: per lui niente gusci o cibi duri.

Lo studio pubblicato su Nature Communications sull'apparato masticatorio dell'Australopithecus Sediba

Lo studio pubblicato su Nature Communications sull’apparato masticatorio dell’Australopithecus Sediba

Le australopitecine – ovvero le specie di Australopithecus – si ritrovano tra i 4,2 milioni e i 2 milioni di anni fa (il più noto è l’Australopithecus Afarensis, di 3,4 milioni di anni fa, famoso col nomignolo di “Lucy”) e sebbene presentino alcuni tratti umani, come per esempio la capacità di camminare su due gambe, la maggior parte di loro non possiede altre caratteristiche tipiche dell’uomo, quali un grande cervello, faccia ortognata con riduzione della mandibola e dei denti, così come la capacità di utilizzare utensili. “Molte specie di Australopithecus presentavano sorprendenti adattamenti craniali, utili per processare cibi duri, ossia potevano sprigionare elevate forze durante la masticazione”, spiega David Strait, antropologo alla Washington University di St. Louis (Usa) e responsabile della ricerca. «Tuttavia”, continua Stefano Benazzi, paleoantropologo e ricercatore presso il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Bologna (Campus di Ravenna) e co-autore dell’articolo, “i nostri risultati indicano che la morfologia dell’apparato masticatorio di Australopithecus sediba poneva grossi limiti durante la masticazione, perché se avesse utilizzato tutta la potenza dei suoi muscoli masticatori, avrebbe rischiato la lussazione della mandibola”.

L'antropologo Stefano Benazzi dell'università di Bologna

L’antropologo Stefano Benazzi dell’università di Bologna

I primi rappresentanti del genere Homo derivano quasi certamente da un’australopitecina e l’Australopithecus sediba è candidato per essere il diretto antenato. La ricerca pubblicata su “Nature Communications” non definisce il grado di parentela dell’Australopithecus sediba con il genere Homo, fornisce però importanti indicazioni sugli effetti che i cambiamenti della dieta hanno avuto per l’evoluzione del nostro genere. «Anche l’uomo infatti”, continua Stefano Benazzi, “presenta grosse limitazioni nel generare elevate forze masticatorie, e probabilmente questo caratterizzava anche i primi rappresentanti di Homo, così come alcune australopitecine. Ciò significa che mentre alcune australopitecine si sono evolute per massimizzare la capacità di masticare in modo energico, altre, tra cui quelle che hanno dato origine al genere Homo, si sono evolute nella direzione opposta. In definitiva, vari fattori ecologici devono aver modificato il comportamento alimentare e la dieta delle australopitecine, rivestendo quindi un ruolo fondamentale nell’origine del genere Homo”.