Archivio tag | Francesca Ferroni Gallo

#iorestoacasa. Il museo Archeologico nazionale di Altino ci fa conoscere un quinto reperto “imperdibile”: una statuetta di gladiatore in terracotta (I-II sec. d.C.). E per i bambini propone la lettura di una favola con due bambini, Lucilio e Tito, che osservano gli artigiani al lavoro

Vado al MANN di Napoli per vedere l’affresco con la rissa all’anfiteatro di Pompei. E vado ad Altino per vedere…? È la quinta “provocazione” del museo Archeologico nazionale per presentare il quinto reperto “imperdibile”: statuetta di gladiatore in terracotta (I-II sec. d.C.), da un rinvenimento sporadico del 1971 a Sud della via Annia. Nel video di Francesca Ferroni Gallo, il testo e la voce narrante sono di Marianna Bressan, direttrice del museo nazionale e dell’area archeologica di Altino.

Statuetta di gladiatore in terracotta (I-II sec. d.C.) conservato al museo di Altino (foto PM-Veneto)

La statuetta del gladiatore ci porta a primo pomeriggio di fine aprile ad Altino. “Siamo in anfiteatro”, ci racconta Marianna Bressan. “È appena terminata la pompa, la sfilata delle armi e dei gladiatori che si affronteranno in duello. Il popolo, accalcato sugli spalti attorno all’arena, rumoreggia, inneggia il nome del favorito, strepita impaziente. Nella caserma, lontano dalla vista del pubblico, il gladiatore indossa le armi appena presentate in corteo. Sulla tibia sinistra, l’ocrea di metallo, legata a una spessa imbottitura di lana, che aiuta ad attutire i colpi. Sul braccio destro, la manica gladiatoria di cuoio; all’altezza dello stomaco il balteus, il cinturone protettivo, e, sotto, il subligaculum, il perizoma. In testa mette l’elmo: una calotta liscia con una cresta curvilinea dai bordi stondati e solo due forellini per gli occhi. Con la sinistra imbraccia lo scudo rettangolare, avvolgente, senza spigoli vivi. Il suo lato sinistro è protetto dalla testa ai piedi, letteralmente. Con la destra impugna il gladio. Dal suo armamentario è chiaro: è un gladiatore della classe dei secutores. E finalmente si avvia nell’arena. Al suo ingresso, esplode il furore del popolo: è lui il preferito e non il suo avversario, il retiarius, che cercherà di batterlo armato di tridente e rete da pesca. Ci siamo, siamo pronti, uno di fronte all’altro. Il secutor mostra il lato sinistro, il gladio in resta, il corpo pronto a scattare al via dell’arbitro. Che il combattimento abbia inizio. Che sia io il vincitore”.

Ed ecco la quarta favola altinate per i bambini. 👨🏻‍👩🏻‍👦🏻‍👦🏻👨🏼‍👩🏼‍👧🏼‍👧🏼👩🏻‍👧🏻‍👦🏻Bambine, bambini! 👩🏾‍👩🏾‍👦🏾‍👦🏾👨🏻‍👨🏻‍👧🏻‍👦🏻👨‍👦‍👦 è tempo di un’altra lettura… favolosa! 📖 Il 1° maggio è stata la Festa dei Lavoratori e noi abbiamo reso omaggio ai mestieri di Altino antica. La favola di oggi ci racconta l’abilità di quegli artigiani attraverso gli occhi di due bambini, il “poeta” Lucilio e il suo curioso e intraprendente amico Tito. E, ai loro occhi, il lavoro degli artigiani non poteva che apparire… una 🧜‍♀‍ magia 🧚‍♀‍! Legge per noi 🎤Michele Bars🎤, custode del Museo. Il testo è di Gabriella Bosmin e le illustrazioni di Erica Schweizer. E allora…. c’era una volta… https://it-it.facebook.com/1119722614724773/videos/344833106492793/

#iorestoacasa. Il museo Archeologico nazionale di Altino ci fa conoscere un quarto reperto “imperdibile”: la coppa di vetro murrino a nastri e a millefiori (fine I sec. a.C. – inizio I d.C), un oggetto lussuoso e raro. E per i bambini propone la lettura di una favola con due ragazzi che sognano di aprire una bottega di calzolaio

Vado a Villa Giulia per vedere il sarcofago degli sposi. E vado ad Altino per vedere…? È la quarta “provocazione” del museo Archeologico nazionale per presentare il quarto reperto “imperdibile”: la coppa di vetro murrino a nastri e a millefiori (fine I sec. a.C. – inizio I d.C.) dalla tomba 509 della necropoli nord-orientale lungo la via Annia. Nel video di Francesca Ferroni Gallo, il testo e la voce narrante sono di Marianna Bressan, direttrice del museo nazionale e dell’area archeologica di Altino.

La coppa di vetro murrino (I sec. a.C. – I sec. d.C.) conservata al museo Archeologico nazionale di Altino (foto PM-Veneto)

“Se metti le mani a conca e le accosti, possono contenere questa coppetta coloratissima, resistente e fragile come solo il vetro può essere. Questo stesso gesto avrà fatto duemila anni fa una persona, non ti so dire se uomo, donna, giovane, anziana, di certo emozionata e con fare solenne, per essere certa di usare tutte le cautele necessarie a deporre intatta la coppetta accanto ai poveri resti di una parente o una compagna di vita o un’amica, appena partita per il viaggio da cui non si torna. E pensare che lei, la padrona della coppetta, era stata così orgogliosa di quell’oggetto lussuoso e raro. Era un pezzo unico, fatto a mano da un abile vetraio, forse ad Aquileia o ad Adria; un maestro, che sapeva ottenere paste di colori diversi e tutti brillanti, lavorarle in tessere e canne, tagliarle secondo necessità, comporle con fantasia in disegni geometrici, fonderle, per poi dar forma di coppetta alla piastra ottenuta e molare la superficie, per renderla liscia, brillante, senza imperfezioni. Un artigiano d’altri tempi: le sue mani interpretavano una tecnica, che avevano iniziato a mettere a punto i vetrai di Mesopotamia ed Egitto almeno quindici secoli prima. Lei, la padrona, amava esibire la coppetta con il servizio buono, quando c’era occasione di avere ospiti per cena. Per questo i suoi cari gliela misero nel bagaglio, quando partì per sempre, lasciandosi Altino alle spalle”.

Ed ecco la terza favola altinate per i bambini. 👨🏻‍👩🏻‍👧🏻‍👦🏻👩🏻‍👧🏻👩🏿‍👩🏿‍👧🏿‍👧🏿 Bambine, bambini! 👨🏼‍👨🏼‍👧🏼‍👦🏼👨‍👦👨‍👩‍👧 questa domenica per voi un’altra lettura… favolosa!📖 Ci racconta la favola di oggi Giovanni Nato, custode del Museo. Il testo è di Gabriella Bosmin e le illustrazioni di Erica Schweizer. E allora…. cominciamo! C’era una volta, ad Altino… Donato, il figlio del 👞calzolaio👠 e il suo amico Procolo. Riusciranno i due ragazzi ad aprire la loro bottega di calzolai? Scopriamolo insieme! https://www.facebook.com/MuseoArcheologicoAltino/videos/245720066810048/?__so__=permalink&__rv__=related_videos P.S. se verrete a Museo di Altino, quando riaprirà, potrete conoscere Donato il calzolaio di persona!

#iorestoacasa. Il museo Archeologico nazionale di Altino ci fa conoscere un terzo reperto “imperdibile”: la Signora degli Animali, un’antefissa del I sec. a.C. che evoca storie inquietanti. E per i bambini propone la lettura di una favola con i soldati impegnati (con poca voglia) alla manutenzione delle strade

Vado al Reina Sofia di Madrid per vedere la Guernica di Picasso. E vado ad Altino per vedere…? È la terza “provocazione” del museo Archeologico nazionale per presentare il terzo reperto “imperdibile”: la Signora degli Animali (Potnia theron). Si tratta di un’antefissa in terracotta con con Potnia theron (I sec. a.C.) proveniente dall’edificio interpretato come magazzino posto a Sud-Ovest di Altino, nei pressi della via Annia. Nel video di Francesca Ferroni Gallo, il testo e la voce narrante sono di Marianna Bressan, direttrice del museo nazionale e dell’area archeologica di Altino.

Antefissa in terracotta con la Signora degli Animali (I sec. a.C.) (foto museo archeologico di Altino)

“La dea incede sicura, le ali spiegate e la veste allacciata sotto il seno e fremente nel movimento”, così Marianna Bressan descrive il prezioso reperto. “Forse ha appena posato il piede a terra, calata direttamente dal cielo. Ha con sé due leoni, li stringe saldamente con le mani e li costringe a guardarti. È lei che ha il potere di renderli feroci o docili, ed è così con tutti gli animali. Domina la forza vitale della natura, decide della vita e della morte. È la Potnia theron, la Signora degli Animali. La veneravano in Mesopotamia, diverse migliaia di anni fa; nella Creta dei Minoici e poi dei Micenei; in Grecia, dove a un certo punto diventa Artemide, la Diana dei Romani”. Poi inizia la storia che questo reperto potrebbe evocare. “Un giovane viaggiatore è partito da Patava (Padova) qualche giorno fa”, narra Bressan, “guidando il suo carro lungo il rettifilo della via Annia. Finalmente Altino, la sua destinazione, si profila all’orizzonte: prima di immergersi nelle viuzze fitte di case dai comignoli fumanti, deve attraversare il ponte sul canale che cinge la città. Sulla destra si impone un grande edificio, proprio sulla riva del canale. Lì davanti sono approdate molte barche, alcune vanno e altre vengono, e tanti uomini si affaccendano dandosi su la voce, per caricare e scaricare, fare il calcolo delle merci consegnate, riscuotere, contrattare, attraccare, ripartire. Alza lo sguardo: sul tetto, tra molte altre figure, c’è lei: la Signora degli animali. Sovrasta gli uomini e li sorveglia: io sono la forza vitale della natura, la tua fortuna – viaggiatore – dipende da me”.

Ed ecco la seconda favola altinate per i bambini. 👨‍👨‍👧‍👦👩‍👩‍👧‍👦👨‍👩‍👦‍👦Bambine, bambini! 👨‍👩‍👧‍👧👨‍👨‍👧‍👧👨‍👨‍👦‍👦
🐣…anche a Pasquetta chiusi in casa…? 🏠 che ne dite di una bella favola? La legge per noi 🎤Barbara Savoldello🎤, custode del Museo. Il testo è di Gabriella Bosmin e le illustrazioni di Erica Schweizer. E allora…. cominciamo! “C’era una volta, ad Altino… un gruppo di soldati impegnati nella manutenzione delle strade della città. 🤔Riusciranno a escogitare un trucco per fare meno fatica? 💡💡💡💡💡 Scopriamolo insieme!”: https://it-it.facebook.com/MuseoArcheologicoAltino/videos/215324036571549/