Archeologia subacquea in laguna di Venezia. Il team di Ca’ Foscari ha scoperto a Lio Piccolo, nel sito della villa romana, una vasca per l’acquacoltura dei molluschi con le ostriche di duemila anni fa eccezionalmente conservate

Gusci di ostriche di duemila anni fa a un metro e mezzo di profondità nella laguna di Venezia, in una vasca che probabilmente serviva per conservare i prelibati molluschi prima di essere degustati. Siamo nel sito lagunare di Lio Piccolo, nel comune di Cavallino Treporti, scoperto quasi venti anni fa dall’archeologo amatore Ernesto Canal. E l’ipotesi preliminare su cui sta lavorando il team interdisciplinare impegnato nei giorni scorsi nella seconda campagna di scavo archeologico subacqueo è che la struttura detta “Villa romana di Lio Piccolo” era dotata di piscine per l’acquacoltura, in particolare di ostriche. Le indagini sono state dirette da Carlo Beltrame, professore associato di archeologia marittima del Dipartimento di Studi umanistici dell’università Ca’ Foscari Venezia, in collaborazione con la soprintendenza Archeologia Belle arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna. Il progetto di indagine, pluriennale, ha coinvolto anche studenti e studentesse con idoneo brevetto di subacqueo, che hanno avuto l’occasione di formarsi in condizioni di sicurezza. Inoltre, hanno partecipato l’impresa Idra di Venezia; Paolo Mozzi, geomorfologo e geoarcheologo del Dipartimento di Geoscienze dell’università di Padova; e Elisabetta Boaretto, specialista in analisi al radiocarbonio del Weizmann Institute di Rehovot (Israele).

venezia_ca-foscari_scavi-sub-lio-piccolo_scoperto-allevamento-ostriche_1_Ostriche_sul_fondo_della_vasca_in_mattoni_foto-unive

Le ostriche di duemila anni fa ritrovate sul fondo della vasca in mattoni per l’acquacoltura nel sito della villa romana di Lio Piccolo nella laguna di Venezia (foto unive)

“Nel mondo romano”, spiega Carlo Beltrame, “le ostriche erano molto apprezzate e allevate, anche se forse già adulte, in Gallia e nella penisola italiane. Come ricorda Cicerone, famose erano quelle allevate nel Lago Lucrino da Sergio Orata. Gli autori antichi ci parlano anche delle ostriche dell’Istria ma non menzionano Altino, dove però ostriche sono emerse da vari scavi della città romana. Non stupisce quindi trovarle a Lio Piccolo, ossia in una località che in età romana doveva essere in prossimità del litorale, in condizioni ideali per la loro crescita”.

venezia_ca-foscari_scavi-sub-lio-piccolo_scoperto-allevamento-ostriche_i-gusci-di-epoca-romana_foto-unive

Ricerche subacquee dei ricercatori dell’università Ca’ Foscari nel sito della villa romana di Lio Piccolo nella laguna di Venezia (foto unive)

La prima campagna si era svolta esattamente un anno fa e aveva permesso di mettere in luce alcune strutture murarie e palificate segnalate da Canal a poche decine di metri dall’argine di Lio Piccolo lungo Canale Rigà. Questa nuova breve campagna ha permesso di chiarire l’interpretazione e la datazione di quanto visto nel 2021. Il fondale conserva una vasca in mattoni sesquipedali di forma rettangolare databile, anche sulla base di analisi al radiocarbonio, al 1° e 2° secolo d.C. In età romana, la struttura era sommersa e serviva per la conservazione, forse poco prima della consumazione, di ostriche. Questi molluschi si sono infatti eccezionalmente conservati sul fondo della vasca. Le ostriche verranno ora studiate da Davide Tagliapietra di Cnr-Ismar. La presenza di un gargame in legno, che doveva suddividere lo spazio per mezzo di una saracinesca, fa pensare peraltro che questa non fosse l’unica specie ospitata nella vasca.

DCIM101GOPROGOPR4397.JPG

Spalletta della vasca in mattoni usata duemila anni fa per l’acquacoltura delle ostriche a Lio Piccolo nella laguna di Venezia (foto unive)

Ostriche e affreschi per una villa di pregio. Gli studiosi hanno rinvenuto delle strutture fondazionali ad una profondità minore rispetto al livello del medio mare. Si tratta di fitte palificate infisse su un fondale argilloso compatto che sostenevano dei camminamenti in mattoni rivestiti di cocciopesto. Numerosi resti di affreschi di pregio, in corso di analisi ad opera di Alessandra De Lorenzi, chimico-fisica dell’ateneo veneziano, e di mosaici bianchi e neri completano il quadro. Secondo l’ipotesi preliminare del team di studiosi, ci troviamo di fronte a una villa marittima di un certo livello dotata di piscine per l’allevamento ittico. L’applicazione, in via sperimentale, della tecnica fotogrammetrica subacquea, condotta da Elisa Costa, assegnista di ricerca del Dipartimento di Studi umanistici dell’ateneo veneziano, sta dando ottimi risultati anche in queste acque a bassissima visibilità permettendo di documentare al meglio le strutture sommerse individuate.

venezia_ca-foscari_scavi-sub-lio-piccolo_scoperto-allevamento-ostriche_2_Pali_di_fondazione_e_resti_di_pavimento_in_mattoni_foto-unive

Pali di fondazione e resti di pavimento in mattoni nel sito della villa romana di Lio Piccolo nella laguna di Venezia (foto unive)

Il progetto riguarda la portualità di Altino. Questo sito si inserisce nel progetto di archeologia dei paesaggi lagunari condotto da Carlo Beltrame in collaborazione con Paolo Mozzi e incentrato sulla ricostruzione della dimensione portuale di Altino. Negli ultimi due anni sono già stati oggetto di indagine il cosiddetto torrione romano, dimostratosi in realtà una cisterna di tipologia estremamente simile a quelle “alla veneziana” come quella, già nota, di Ca’ Ballarin (molto vicina alla villa di Lio Piccolo). È stato inoltre indagato un piccolo molo in opera pozzolanica, sempre di età imperiale romana, forse di servizio alla cisterna di Ca’ Ballarin, anch’esso a poche centinaia di metri dalla villa romana. Parte integrante del progetto sono anche le ricerche “terrestri” sull’area del porto urbano di Altino in località Vallerossa dove è stata indagata la grande darsena ad elle, di un ettaro di superfice, collegata al Sioncello, già nota da precedenti ricerche del Dipartimento di Geoscienze dell’ateneo patavino. “Le quote di giacitura di queste strutture sommerse – conclude Beltrame – sono preziosissimi markers per studiare il fenomeno dell’innalzamento relativo del livello del mare nelle sue due componenti eustatiche (innalzamento o abbassamento a scala globale del livello medio dei mari, non dipendente cioè da fenomeni locali) e di subsidenza regionale che, sommate, hanno portato gli edifici romani ad una sommersione di oltre due metri rispetto al livello del medio mare attuale”.

Sibari. Al parco archeologico assegnati dal Cipe i 19 milioni, fermi dal 2007, per le opere compensative alla SS 106: campagna di scavo, allestimenti museali, percorsi di visita, digitalizzazione delle collezioni. Il direttore Demma: “Fondi decisivi per il rilancio di Sibari e della Sibaritide”

sibari_parco_area-archeologica_foto-parco-sibari

Il sito archeologico di Sibari (foto parco archeologico di sibari)

Sarà il parco archeologico di Sibari il nuovo soggetto aggiudicatore delle opere compensative per la realizzazione del tratto della SS 106 che attraversa in parte la zona archeologica: sono quasi 19 milioni di euro, finora completamente inutilizzati, che nel lontano 2007 furono deliberati dal Comitato Interministeriale per la Programmazione economica e lo Sviluppo sostenibile che ora, 2 agosto 2022, ha assegnato al parco di Sibari. La collaborazione con Anas sarà fondamentale anche per la realizzazione delle opere stradali necessarie a migliorare il sistema di accessi al Parco, che impegnerà una parte dei fondi. Ma il grosso del finanziamento verrà utilizzato per la ricerca e la valorizzazione: una nuova campagna di scavi – facilitata dalle recenti acquisizioni di idrovore e inquadrata nel Masterplan per la soluzione dei problemi idrogeologici dell’area – recupero e restauro delle strutture archeologiche e dei reperti; nuovo allestimento dei Musei di Sibari e Amendolara; nuovi percorsi di visita attrezzati nelle aree archeologiche; digitalizzazione e accessibilità totale delle collezioni del Parco; ampliamento dell’offerta culturale con la realizzazione di colture sperimentali accessibili al pubblico; questi sono alcuni dei progetti sui quali la Direzione intende investire.

Filippo Demma

Filippo Demma, direttore del parco archeologico di Sibari

“Una enorme soddisfazione per il successo di un lavoro paziente e complicato che è iniziato all’indomani del mio insediamento e che ha portato in poco più di un anno a sbloccare fondi il cui impiego sarà decisivo per il rilancio di Sibari e della Sibaritide tutta”, dichiara il direttore del parco archeologico di Sibari, Filippo Demma. “Ringrazio il ministero della Cultura, ed in particolare la Sottosegretaria di Stato Lucia Borgonzoni, delegata MiC alle relazioni con il CIPESS, per il decisivo appoggio, e la sua Segreteria per il supporto alla nostra richiesta, che ha potuto contare fin dall’inizio anche sulla totale collaborazione di Anas S.p.A., cui pure va la nostra riconoscenza. Un risultato che è stato per altro possibile solo grazie alla concessione al Parco dell’autonomia speciale da parte del ministro Dario Franceschini”. In linea con la politica e con la missione del Parco, tutte le procedure per l’impiego di queste, come di tutte le somme delle quali la struttura risulta beneficiaria, saranno sottoposte a uno stretto controllo disciplinato da uno stringente Protocollo di Legalità, le cui bozze verranno approvate dal CdA del Parco e che il direttore Demma siglerà con la Prefettura di Cosenza nei prossimi giorni.

Reggio Calabria. Per le “Notti d’Estate” al museo Archeologico nazionale conferenza “I Confini della materia” con Liliana Restuccia (università di Messina) e il prof. Santo Scinelli (vicepresidente di “Mathesis”)

reggio-calabria_MArRC_Notti d'estate 2022_restuccia-scinelli_locandinaSi torna a parlare di scienza sulla terrazza panoramica del MArRC. Per le “Notti d’Estate al MArRC”, nuovo appuntamento in collaborazione con il Centro internazionale Scrittori della Calabria. Giovedì 4 agosto 2022, alle 21, nel suggestivo scenario della terrazza panoramica del Museo, interverranno la prof.ssa Liliana Restuccia, ordinario di Fisica Matematica (UniMe) e il prof. Santo Scinelli, vicepresidente di “Mathesis” (Messina), organo nazionale di divulgazione di Scienze Matematiche e Fisiche. Gli ospiti saranno introdotti dalla prof.ssa Paola Radici Colace, ordinario di Filologia Classica (UniMe), nonché presidente onorario e direttore scientifico del CIS. Il dibattito, “I Confini della materia”, verterà sulle teorie cosmologiche come la relatività generale di Einstein, la geometrizzazione della fisica e temi del settore. “Inauguriamo il mese di agosto entrando nel cuore delle programmazioni nell’ambito delle celebrazioni per il Cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace”, commenta il direttore del MArRC, Carmelo Malacrino. “È anche per merito di iniziative come questa che il Museo si conferma quale polo culturale dinamico che unisce i cittadini e i visitatori in un’esperienza suggestiva. Grazie alle prestigiose collaborazioni, come quella con il presidente del CIS, Loreley Rosita Borruto, che ringrazio, il Museo convalida il suo carattere inclusivo, stimolando l’interesse e il dibattito, proponendo all’attenzione temi e questioni di interesse culturale”. E i professori Restuccia e Scinelli: “L’argomento sarà interpretato alla luce dello studio del comportamento della materia a differenti scale nanometriche. Siamo nell’era della nanotecnologia, in cui la scala è dell’ordine del miliardesimo di metro, il nanometro, che impiega materiali speciali, in particolare i semiconduttori. Lo studio di tali materiali e del loro comportamento, che rientra dentro i nanoconfini – continuano – lungi dal sembrare nella sensibilità comune, riservato a nicchie ristrette di interesse scientifico, ha permesso la realizzazione, per citarne solo alcuni, di dispositivi LED, MOSFET, sensori, attuatori e LASER, che tanto impatto hanno nella nostra vita quotidiana e in tanti aspetti di essa. La scienza è di tutti e per tutti, perché cambia la nostra vita e spesso in meglio- concludono”. In occasione delle aperture serali, sarà possibile ammirare, tra gli altri capolavori esposti, anche due diverse mostre temporanee allestite al Livello E: “Il vaso sui vasi. Capolavori dal Museo Nazionale Jatta di Ruvo di Puglia” e “Oltre l’emergenza. Attività e restauri dopo l’alluvione del 2018” con oltre trecento reperti esposti per la prima volta. Fino al 10 settembre 2022, ogni giovedì e sabato, il MArRC rimarrà aperto fino alle 23, con ultimo ingresso alle 22.30. Dalle 20 il costo del biglietto sarà di soli 3 euro. Al MArRC si entra senza prenotazione, con l’uso fortemente raccomandato della mascherina chirurgica.

Roma. Al via la rassegna “Cerchi e Fori”: cento spettacoli gratuiti per tutte le età nel cuore della Roma Antica; venti giorni di musica, danza, teatro, circo e tanto altro tra via dei Cerchi e via dei Fori Imperiali

CERCHI E FORI_1200x627Cento spettacoli gratuiti per tutte le età nel cuore della Roma Antica. Venti giorni di musica, danza, teatro, circo e tanto altro. Dal 4 al 23 agosto 2022 le serate estive di Roma si arricchiscono di nuovi e interessanti appuntamenti con “Cerchi e Fori”. Una rassegna di eventi gratuiti che per venti giorni gli artisti di strada animeranno, dalle 20.30 alle 23.30, via dei Cerchi e via dei Fori Imperiali, che verranno per l’occasione straordinariamente pedonalizzate integralmente la sera, negli orari in cui si terranno gli spettacoli. “Cerchi e Fori” consentirà a cittadini e turisti di passeggiare nell’atmosfera magica delle sere e delle notti estive in mezzo ad alcuni dei monumenti più importanti della storia di Roma, incontrando sul proprio cammino cinque postazioni (due su via dei Cerchi e tre su via dei Fori Imperiali) nelle quali si alterneranno le melodie, le coreografie, i ritmi, i colori e la poesia di tutti gli spettacoli in programma. Si tratta di un’iniziativa promossa da Roma Capitale, in collaborazione con la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con il coordinamento organizzativo di Zètema Progetto Cultura e che fa parte del programma dell’Estate Romana 2022; gli spettacoli previsti sono stati selezionati attraverso l’Avviso pubblico “Spettacoli di strada sulla Via dei Fori e Via dei Cerchi”.

1 tribù akuna matata_zipzone

La Tribù degli Akuna Matata, gruppo storico romano

GIOVEDÌ 4 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena Zip Zone propone la dirompente energia della Tribù degli Akuna Matata, gruppo storico romano che travolgerà il pubblico con un esplosivo mix di musica, tamburi e danze tribali (3 repliche alle 20.30, alle 21.30 e alle 22.30). All’altezza del civico 127 Finisterre presenta alle 21, alle 21.45 e alle 22.30 Taraf Da Metropulitana – Espresso. Trascinante ensemble di musicisti zingari con fisarmonica, contrabbasso a 3 corde, chitarra e sassofono, passati dai matrimoni in Romania ai palchi di tutta Italia.

BOLLYWOOD_Alt Academy

Valentina Manduchi nello spettacolo proposto dall’associazione culturale Alt Academy Bollywood

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali, appuntamento con gli spettacoli a cura de Il Circo Verde asd. Alle 20.30, parata con le bici d’epoca della Premiata Compagnia Amilcare Polpacci e Fratelli, che invaderanno la strada a cavallo di eccentriche stramberie meccaniche a pedali; alle 21 e alle 23, On Air con Le Radiose che accompagnano i loro radioascoltatori tra le sincopate e frizzanti melodie della Swing Era: una coinvolgente follia in modulazione di frequenza che tra ronzii, fruscii, rubriche e telefonate trascina il pubblico in una montagna russa radiofonica di epoche e stili. Alle 22, Emanuela Vitale porta su Via dei Fori Imperiali il suo spettacolo On the Run, fatto di colpi di scena, fughe, trasformazioni e tante fiamme. Sempre su via dei Fori Imperiali all’altezza di via della Salara Vecchia in programma gli spettacoli proposti da Abraxa Teatro. Il 4 agosto tre repliche (alle 20.30, 21.30 e 22.30) per Fly Clown a cura della compagnia Post-It33 che racconta la comicità amara, poetica e ingenuamente pura del clown e del suo naso rosso. All’altezza della Colonna Traiana è a cura dell’associazione culturale Alt Academy Bollywood, lo spettacolo con Valentina Manduchi e la Apsaras Dance Company che trascina il pubblico tra le sonorità e le movenze travolgenti dell’India dall’essenza vagamente kitsch ma incredibilmente coinvolgente (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

2.BANDADELLARICETTA_Finisterre

La Banda della Ricetta portata da Finisterre

VENERDÌ 5 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Appuntamento in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena con Zip Zone che propone lo spettacolo di Carlo Leonardi, tenerissimo e abile clown giocoliere, che regalerà al pubblico momenti di ironia, acrobazia e teatro dell’assurdo, eseguendo due repliche (alle 20.30 e alle 22.30) del suo spettacolo C’è un nodo in questa corda e alternandosi ad Agnes Preszler, pittrice ungherese e traduttrice di testi pasoliniani, che donerà ai passanti i suoi Ritratti eseguiti in cinque minuti (alle 21.30). Finisterre porta all’altezza del civico 127 la Banda della Ricetta – A fuoco lento: uno spettacolo originale in cui si canta del buon cibo in un repertorio accattivante, divertente e ben condito, tra il folk e la canzone d’autore, con tanti aromi anche di paesi lontani (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

TRAMPOLI_Circo verde

Spettacolo con i trampoli

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali, Il Circo Verde asd propone alle 20.30 un’affascinante performance acrobatica su Trampoli della Compagnia della Settimana Dopo; a seguire, alle 21, Emanuela Vitale porta al pubblico il suo spettacolo Memorie di Tè: performance danzata e drammatizzata in cui dai vapori di una teiera i ricordi di persone incontrate lungo il cammino di incrociano e prendono forma. Alle 22 torna La Compagnia della Settimana Dopo con Area 52, spettacolo di clown teatrale che mescola musica dal vivo eseguita con clarinetto, voce, loopstation e theremin, manipolazione di oggetti e teatro di figura; alle 23 la danza e il fuoco sono i protagonisti di Spyral, la performance di Lucignolo. Abraxa Teatro propone all’altezza di via della Salara Vecchia L’Amore di Pulcinella a cura della compagnia Ygramul. Alle 20.30, 21.30 e 22.30 spettacolo con protagonista Pulcinella, eterno romantico, ingenuo e goffo, innamorato perdutamente di Colombina. In un rocambolesco susseguirsi di lazzi e fraintendimenti, con lo zampino di Arlecchino, la complicità di Colombina e la testardaggine del vecchio Pantalone la storia si svolge andando irrimediabilmente verso un finale a sorpresa. All’altezza della Colonna Traiana l’associazione culturale Alt Academy propone un viaggio alla scoperta di alcune tra le più belle e famose colonne sonore con Musicfilm. Protagonisti della serata Marcello Fiorini e Giovanna Famulari che proporranno musiche da film di quattro indiscussi maestri: Piovani, Morricone, Rota e Piazzolla (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

SABATO 6 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena Zip Zone propone il duo composto da Jessica De Rodda e Riccardo Rosato che alternano due spettacoli differenti, Ops (alle 20.30 e alle 22.30) e Pop Corn Break (alle 21.30) manipolando oggetti impazziti, incastri di cerchi ed equilibri improbabili con numeri dalle atmosfere retrò e coinvolgenti. All’altezza del civico 127 Finisterre propone Sparatrapp – Di batteri buoni e altre storie: una “crocerossa” di note musicali e di divertenti gag che ricordano a tutti che in fondo, quando qualcosa va storto, una canzone ha la stessa funzione di una pastiglia (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali con Il Circo Verde asd alle 20.30 torna lo spettacolo su Trampoli della Compagnia della Settimana Dopo; alle 21 e alle 23 ci sono le Wunder Tandem, duo femminile dall’animo disco/punk: due voci, una fisarmonica e un mini drum-set che creeranno dei mashup travolgenti che abbattono definitivamente le barriere tra i generi. Alle 22, replica dello spettacolo Area 52. All’altezza di Via della Salara Vecchia Abraxa Teatro propone La Festa dei Colori a cura della compagnia Abraxa Teatro. Spettacolo colorato e divertente fra trampoli, insolite coreografie e numeri d’abilità accompagnati da musiche e ritmi eseguiti dal vivo (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana c’è Tropical a cura dell’associazione culturale Alt Academy con Eduardo Sacramento da Silveira, Luana Lima Assis e Tania Rita Jesus Aleluia. Spettacolo trascinante che partendo dalle melodie del Brasile e del carnevale più famoso del mondo, stupirà il pubblico con le incredibili evoluzioni della capoeira acrobatica e della tipica danza guerriera maculelè (5 repliche alle 20.30, alle 21.15, alle 22, alle 22.45 e alle 23.15).

DOMENICA 7 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Zip Zone porta in scena in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena Umberto Rosichetti con il suo Doisberto Street Show che dal nulla trasformerà la strada in un palco per un insolito spettacolo con numeri ad alto pathos, lasciando il pubblico con il fiato sospeso e invitandolo con leggerezza a riflessioni profonde (3 repliche alle 20.30, alle 21.30 e alle 22.30). All’altezza del civico 127 con Finisterre torna Sparatrapp – Di batteri buoni e altre storie (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali Il Circo Verde asd propone alle 21 la replica dello spettacolo Area 52 della Compagnia della Settimana Dopo; alle 22 c’è Alice!, show di mimo, manipolazione, giocoleria, contact di e con Alice Bella; alle 23, torna Emanuela Vitale con il suo spettacolo On the Run. Ancora divertimento con Abraxa Teatro che porta in scena ancora una volta su via dei Fori Imperiali all’altezza di via della Salara Vecchia La Festa dei Colori a cura della compagnia Abraxa Teatro (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana l’Associazione Culturale Alt Academy propone Passaggio ad Oriente con Zaira Giannotti, Pejman Tadayon. Un’incantevole alchimia di suoni, coreografie e testi, ispirati ai grandi mistici sufi. La bellezza e la sacralità dei poemi sono scandite dagli strumenti della tradizione persiana e dalle coreografie che rievocano il Sema dei dervisci rotanti Mevlevi e l’arte dell’antica danza persiana (4 repliche alle 20.45, alle 21.30, alle 22.20 e alle 23.10).

4.MERITMIRI_Finisterre

Gli artisti di strada Meritmirì

LUNEDÌ 8 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Con Zip Zone in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena c’è Piero Ricciardi che con lo spettacolo Why not (alle 20.30 e alle 22.30), composto da musica dal vivo, danza eccentrica, trovate comiche ed equilibrismi, catapulterà il pubblico in un vortice di risate, sorprese e comicità, alternandosi con Giulio Linguiti e il suo show In cerchio (alle 21.30), che con pochi ed essenziali elementi si muoverà nello spazio per creare immagini dense di equilibri acrobatici. Finisterre presenta all’altezza del civico 127, in tre repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30, lo spettacolo di strada di Meritmirì Dalle Radici al Suono. Riti e ritmi del Meridione, partendo dall’Italia Centrale e andando verso Sud in un repertorio vocale e di danza che propone canti polivocali, a distesa, sul tamburo, canti di pellegrinaggio, devozionali e di festa e i balli della tradizione.

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd torna alle 20.30 la Parata con le bici d’epoca della Premiata Compagnia Amilcare Polpacci e Fratelli; alle 21 Emanuele Avallone propone lo spettacolo di improvvisazione, clown e giocoleria Divagazioni; ancora divertimento alle 22 con Elia Bartoli in Giocol-elia, spettacolo di giocoleria comico adatto a tutte le età. Alle 23 appuntamento con Daniele Spadaro in Smisurato, spettacolo di clownerie per tutte le età. Abraxa Teatro porta su all’altezza di via della Salara Vecchia Strilts Show a cura della Compagnia Officine Teatrali il Pazzo e la Luna. Un clown-giocoliere un po’ impacciato cerca di conquistare la sua amata e irraggiungibile trampoliera sfoderando tutte le sue “arti” di seduzione e coinvolgendo il pubblico in un corteggiamento infuocato (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana Via dei Fori Imperiali fa da palco a Magik a cura dell’Associazione Culturale Alt Academy con Sam the Illusionist e Cornelia Paraipan. Magia da scena e cabaret magico: con un pizzico di sense of humor i partecipanti saranno sia protagonisti che testimoni di uno spettacolo esclusivo (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

9 Cuba mon Amour_zipzone

Il trombettista cubano Miguel Jimenez Diaz in Cuba Mon Amour

MARTEDÌ 9 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena per Zip Zone torna Giulio Linguiti e il suo show In cerchio (alle 20.30 e alle 22.30) che si alternerà con la musica del trombettista cubano Miguel Jimenez Diaz, eclettico e ammaliante, e il suo Cuba Mon Amour (alle 21.30). All’altezza del civico 127 Finisterre porta in scena Plutone e Proserpina – Spettacolo di Marionette e Oggetti. Un mito che parla del continuo rinnovarsi della natura e di come a ogni morte segue una rinascita, a ogni fine un nuovo inizio. Una delle più antiche storie d’amore di cui si abbia notizia, quella tra il dio delle profondità e la giovane figlia della terra (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali con Il Circo Verde asd alle 20.30 torna la Parata con le bici d’epoca della Premiata Compagnia Amilcare Polpacci e Fratelli che proporranno anche, alle 21, il gran varietà circense Velocirco; alle 22 da non perdere la Compagnia Chien Barbu Mal Rasé in El Trio Churro in cui due scalmanati circensi promettono di raccontare la storia del circo dalla sua nascita ad oggi; alle 23 Il Macchiarlo porta al pubblico i grandi classici della giocoleria e dell’arte di strada nel Super Standard Show. All’altezza di via della Salara Vecchia Abraxa Teatro propone Pulcinella nella Luna a cura della compagnia TradirEfare. Un viaggio fantastico alla scoperta di un mondo alla rovescia. Stanco dì non trovare risposte in un mondo spesso più assurdo di lui, Pulcinella decide di cercarle sulla Luna lasciando indietro storture, guerre, povertà e fame e cercando di scoprire come si può vivere “a capa sotto” (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). L’associazione culturale Alt Academy porta All’altezza della Colonna Traiana Tierra de Mexico con Antonella Serafini, Claudia Torres, Antonio Padovano, Fiore Angerame e Giancarlo Angerame Marìn. La vera voce del Messico con le musiche e le canzoni dei mariachi (4 repliche alle 20.45, alle 21.30, alle 22.20 e alle 23.10).

PLUTONEPROSERPINA_Finisterre

Plutone e Proserpina, spettacolo di Marionette e Oggetti

MERCOLEDÌ 10 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena Zip Zone porta al pubblico Francesco Bellelli che divertirà il pubblico con due shows: Le marionette del Bellelli (alle 20.30 e alle 22.30), un puppet show di burattini e marionette costruite a mano in cui i personaggi danzano, ballano, fanno numeri di circo e bolle di sapone, e Capitan Bretella Super Show (alle 21.30), uno spettacolo spassoso di circo, illusionismo e improvvisazione. Sempre su via dei Cerchi, all’altezza del civico 127 Finisterre torna in scena con Plutone e Proserpina – Spettacolo di Marionette e Oggetti (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali Il Circo Verde asd porta in scena alle 21 Antonio Tremani in Internazionale Popolare Show, spettacolo di giocoleria ed equilibrio; alle 22 c’è Ninho Maravilha in Leggermente Frizzante, show di giocoleria con clave, palline e cerchi unite all’interazione e all’improvvisazione con il pubblico; alle 23 arriva la magia di Brillo Show. Abraxa Teatro propone all’altezza di Via della Salara Vecchia I Vestiti Nuovi del Presidente a cura di Circomare Teatro. Favola ispirata a “I vestiti nuovi dell’Imperatore” di Hans Christian Andersen. Il Presidente non si cura del popolo e maltratta i suoi subalterni e il suo Ministro della moda. Una Rivoluzionaria si traveste da sarto e per punire la vanità del Presidente organizza una truffa ai suoi danni (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana l’associazione culturale Alt Academy propone African Tam Tam con Moustapha Mbengue, Ismaila Mbaye ed Elhadji Djibril Mbaye. Musica, danza, ritmi e colori dell’Africa nera: i danzatori-musicisti sorprenderanno il pubblico con assoli ritmici alternati ad armonie di insieme, sempre alla ricerca dell’incontro di nuove sonorità, attraverso l’energia della percussione e il fascino della danza e del canto (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

MrBig_zipzone

Mr Big Circus, cabaret di clownerie

GIOVEDÌ 11 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. A cura di Zip Zone in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena appuntamento alle 20.30 e alle 22.30 con Mr Big Circus e il suo cabaret di clownerie che tra clave, coltelli spade e torce di fuoco presenta al pubblico un giullare con un accento di dubbia provenienza e una grande capacità di improvvisare. Lo spettacolo si alternerà con i ritmi cubani di Miguel Jimenez Diaz in programma alle 21.30 con Cuba Mon Amour. Finisterre ripropone all’altezza del civico 127 Meritmirì Dalle Radici al Suono (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

HOP HOP_CIRCO VERDE

Il circo con Simone Romanò in Hop Hop

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali appuntamento con Il Circo Verde asd alle 21 con il Fil Magic Show di e con Filippo Porcari: uno spettacolo di magia tutto da ridere; alle 22 torna il circo con Simone Romanò in Hop Hop; alle 23 giochi di abilità circense e sketches da commedia all’italiana per Vero Amore di e con Dani e La Giocoleria. All’altezza di via della Salara Vecchia Abraxa Teatro propone alle 20.30, 21.30 e 22.30 Don Quixote – A Spasso per la Mancha a cura Compagnia Tradirefare. Maschere, musica e teatro di strada incontrano una delle storie più amate della letteratura mondiale. All’altezza della Colonna Traiana, a cura dell’associazione culturale Alt Academy, torna Bollywood, lo spettacolo con Valentina Manduchi e la Apsaras Dance Company (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

VENERDÌ 12 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Zip Zone porta ancora una volta in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena il cabaret di clownerie di Mr Big Circus (alle 20.30 e alle 22.30) che si alternerà con la pittrice Agnes Preszler, i suoi Ritratti in 5 minuti e la creazione di un disegno a terra dalle grandi dimensioni (alle 21.30). Nuovo appuntamento all’altezza del civico 127 con Meritmirì Dalle Radici al Suono a cura di Finisterre (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

DIMMI DI SI_CIRCO VERDE

Eva Q in Dimmi di sì, spettacolo di magia comica

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 20.30, spettacolo sui Trampoli di Eva Q; alle 21 e alle 23 numeri di circo, danza e altre disavventure con il Duo Quizas in Same But Different; alle 22, c’è ancora Eva Q in Dimmi di sì, spettacolo di magia comica, clown, acrobatica eccentrica e performance di fuoco adatto a tutte le età. Alle 20.30, 21.30 e 22.30 Abraxa Teatro porta all’altezza di via della Salara Vecchia Circus Karakascio’ a cura della Compagnia Circus Karakascio’. Sulle orme di Antoine de Saint-Exupéry, autore del “Piccolo Principe”, un varietà di arte di strada in cui si alternano mirabolanti numeri di giocoleria a suggestive bolle di sapone in un’atmosfera fiabesca. All’altezza della Colonna Traiana l’Associazione Culturale Alt Academy propone il secondo appuntamento di Musicfilm che vedrà esibirsi ancora Marcello Fiorini accompagnato, questa volta, da Marco Camboni (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

6.ACQUARAGIADROM_Finisterre

Gli Acquaragia Drom portano musiche dalle province zingare

SABATO 13 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Daniele Antonini incanterà grandi e piccini in via dei Cerchi altezza incrocio Piazza di Porta Capena con il suo Big Babol Circus uno spettacolo di magie comiche, giocolerie con sfere e bolle di sapone giganti dove tutto è magico e tutto può accadere a cura di Zip Zone (3 repliche alle 20.30, 21,30 e 22.30). All’altezza del civico 127 Finisterre propone Musiche dalle province zingare degli Acquaragia Drom: spettacolo vibrante e ironico da uno dei gruppi storici della musica popolare del nostro paese, pioniere della world music italiana, sempre in viaggio tra canzoni e balli proposti nell’originale stile zingaro nostrano (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

LEGGERMENTE FRIZZANTE_CIRCO VERDE

Il Ninho Maravilha in Leggermente Frizzante

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 20.30 spettacolo sui Trampoli di Eva Q; alle 21 torna il Ninho Maravilha in Leggermente Frizzante, alle 22 Eva Q in Dimmi di sì e alle 23 Simone Romanò con Hop Hop. Abraxa Teatro propone all’altezza di via della Salara Vecchia tre repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30 dello spettacolo HISTORI-A a cura della compagnia Ygramul. La resistenza delle Donne lungo la storia dell’Europa, dall’antica Roma sino ai tempi moderni, narrata in un girotondo di maschere, lazzi e caratteri della Commedia dell’Arte. Un tourdion attorno alla Maschera di Colombina, per declinare lungo la storia il genio, l’ironia, la creatività del mondo femminile, in una festa di inclusione e di lotta. All’altezza della Colonna Traiana tornano le sonorità brasiliane di Tropical a cura dell’associazione culturale Alt Academy (5 repliche alle 20.30, alle 21.15, alle22, alle 22.45 e alle 23.15).

7.STRUMENTIMERAVIGLIA_Finisterre

Il gruppo Strumenti della Meraviglia

DOMENICA 14 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena a cura di Zip Zone, la Poetessa del Fuoco porta in scena tre repliche (alle 20.30, 21,30 e 22.30) dello spettacolo onirico Poesie di fuoco Gitane dove la poesia in forma verbale coinvolge il pubblico in un rituale di scrittura collettiva emozionante e indimenticabile attraverso la danza e la manipolazione del fuoco. All’altezza del civico 127 Finisterre propone alle 21, alle 21.45 e alle 22.30 Strumenti della Meraviglia – Dalla Conchiglia all’Handpan: un viaggio musicale tra strumenti curiosi ed elaborati come la ghironda, la nickelharpa, il violino a tromba o torototela; molto legati alla tradizione come la lira calabrese o il tamburello e anche più moderni come l’handpan.

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 20.30 spettacolo sui Trampoli di Nicola Macchiarlo; alle 21 e alle 23 torna il Ninho Maravilha in Leggermente Frizzante mentre alle 22 c’è la replica del Super Standard Show de Il Macchiarlo. All’altezza di via della Salara Vecchia Abraxa Teatro propone Doktor Buble a cura di Andrea Corvo della compagnia Ygramul. Il Dottor Viktor Frederikovich Von Bubble De Vagnardia svelerà al mondo tutti i segreti intorno al magico mondo delle bolle di sapone (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana via dei Fori Imperiali ospita ancora una volta Magik a cura dell’Associazione Culturale Alt Academy (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

15 Fata Luminosa_zipzone

La Fata Luminosa volteggia sui trampoli

LUNEDÌ 15 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Per la notte di ferragosto in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena arriva il Circo Cerini della compagnia Cremé e Brulèe, l’unico circo con gli animali di fuoco (alle 20.30 e alle 22.30). Uno spettacolo fortemente evocativo divertente e umoristico, proposto da Zip Zone, che manipola oggetti, creature e serpenti fiammeggianti, pesci e meduse che bruciano di fiamme turchesi, alternando acrobazie e giocolerie pirotecniche in cui Alessio Dantignana e Valeria Pediglieri danzano tra le fiamme insieme alle loro creature fantastiche. Sempre il 15 agosto alle 21.30 Federica Pinna, La Fata luminosa, volteggerà sui trampoli e il suo abito illuminato con più di mille led dando vita a uno spettacolo magico. Sempre su via dei Cerchi, all’altezza del civico 127 torna lo spettacolo degli Acquaragia Drom, Musiche dalle province zingare a cura di Finisterre (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

ABRAXA_FLYCLOWN

La compagnia Post-It33 in Fly Clown

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 21 torna Simone Romanò con Hop Hop e alle 22 Vero Amore di e con Dani e La Giocoleria. Nuovo appuntamento, inoltre, alle 23 con il Fil Magic Show. All’altezza di via della Salara Vecchia torna Abraxa Teatro con Fly Clown a cura della compagnia Post-It33 (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana l’associazione culturale Alt Academy propone Più semo e mejo stamo concerto dei due chitarristi di scuola romana Luca Pagliani e Antonio Trignani. Stornellate romantiche, stornelli pungenti e a dispetto, le storie finite bene e quelle finite male, i vecchi mestieri, la cronaca e il sogno.  Il pubblico potrà addentrarsi nel ventre di Roma sulle note dei brani che l’hanno celebrata (4 repliche alle 20.45, alle 21.30, alle 22.20 e alle 23.10).

Animal Freak show_ZipZone

Giacomo Di Vona in Animal Freak Show

MARTEDÌ 16 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena per Zip Zone Giacomo Di Vona porta al pubblico il suo Animal Freak Show in cui uno stravagante personaggio dalla lontana India intrattiene gli spettatori accompagnato da animali fantastici e immaginari, attraverso il racconto di miti e leggende di paesi lontani (3 repliche alle 20.30, 21,30 e 22.30). Un nuovo appuntamento alle 21, alle 21.45 e alle 22.30 all’altezza del civico 127 con gli Acquaragia Drom e il loro spettacolo Musiche dalle province zingare a cura di Finisterre.

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 20.30 spettacolo sui Trampoli di Nicola Macchiarlo; alle 21 torna Vero Amore di e con Dani e La Giocoleria e alle 22 il Super Standard Show de Il Macchiarlo. Alle 23 appuntamento con Gioia Santini in Spaiata: spettacolo in equilibrio tra tenerezza e virtuosismo, dove il concetto di giocoleria viene capovolto e i piedi diventano i protagonisti di un viaggio all’interno di un cassetto. All’altezza di via della Salara Vecchia Abraxa Teatro porta ancora al pubblico Doktor Buble a cura di Andrea Corvo della compagnia Ygramul (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). L’associazione culturale Alt Academy riporta le sonorità di African Tam Tam all’altezza della Colonna Traiana con Moustapha Mbengue, Ismaila Mbaye ed Elhadji Djibril Mbaye (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

Dance du pied_ZipZone

Danse Du Pied: spettacolo di mimo e marionette con i piedi

MERCOLEDÌ 17 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena Zip Zone propone Monsieur David, fantasista di fama internazionale, con tre spettacoli. Alle 20.30 Danse Du Pied: spettacolo di mimo e marionette con i piedi, che miscela la magia con il tango argentino, il teatro danza e il teatro fisico e gestuale di Federica Gunina creando incanto e una forte emanazione poetica. Alle 21.30 Il mondo capovolto, uno spazio nero dove a poco a poco valigie colorate faranno emergere le loro storie romantiche e poetiche, un luogo dove l’immaginazione regna sovrana; alle 22.30 Fantasia a piede libero, spettacolo di strada dove la danza dialoga con la fantasia conducendo chi osserva in spazi di sospensione e di libertà espressiva. All’altezza del civico 127 tornano, a cura di Finisterre, gli Strumenti della Meraviglia – Dalla Conchiglia all’Handpan (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

TRICK NICK _CIRCO VERDE

Andrea Farnetani in Trick Nik, spettacolo di giocoleria comica

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali appuntamento con Il Circo Verde asd alle 20.30 per la performance sui Trampoli di Elisetta’s-Tilt; alle 21 e alle 23 c’è Andrea Farnetani in Trick Nik, spettacolo di giocoleria comica con sei cucchiaini e sei bicchieri di e con Andrea Farnetani; alle 22 Niandra donna sola, impaziente e dalle strane abitudini, scende in piazza con un tavolino imbandito per due a lume di candela per il suo spettacolo Appuntamento al Buio. Abraxa Teatro all’altezza di via della Salara Vecchia Circus Karakascio’ a cura della Compagnia Circus Karakascio’ (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana via dei Fori Imperiali fa da palco allo spettacolo Ruggenti 20’s a cura dell’associazione culturale Alt Academy con Francesca De Vita, Chiara Bartolucci, Filippo Bussu e Stefano Tedeschi. Le coreografie Swing, Lindy Hop, Charleston e Jazz Roots si alterneranno a momenti di pura improvvisazione, nel pieno spirito della tradizione jazzistica (5 repliche alle 20.30, alle 21.15, alle 22, alle 22.45 e alle 23.15).

18 Surreales_zipzone

La compagnia argentina I Surreales

GIOVEDÌ 18 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Con Zip Zone in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena arriva la compagnia argentina I Surreales che condurrà gli spettatori in un mondo assurdo dove l’immaginazione è parte viva attraverso giochi aerei, acrobazie e trapezi su una struttura autoportante in un vaudeville comico di rara bellezza (3 repliche alle 20.30, 21,30 e 22.30). Finisterre porta per la seconda volta all’altezza del civico 127 la Banda della Ricetta – “A fuoco lento (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

ZOERT ONE MAN BAND_CIRCO VERDE

Zoert One Man Band e il suo blues

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 20.30 sui Trampoli torna Elisetta’s-Tilt; alle 21 e alle 23 si balla sulle note blues di Zoert One Man Band; alle 22 da non perdere Na Scarpa e Na Panchina, spettacolo leggero e un po’ eccentrico di e con Bon Bon Rouge. All’altezza di via della Salara Vecchia Abraxa Teatro propone Uovo Elettrico Circus a cura di Maurizio Mancini della compagnia Ygramul: circo di strada interattivo, con utilizzo di tecniche di clownerie e giocoleria, adatto a un pubblico di tutte le età (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana torna Magik a cura dell’associazione culturale Alt Academy (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

8.CIRCODIATONICO_Finisterre

Il Circo Diatonico Trio, ensemble storico della musica di strada e di animazione

VENERDÌ 19 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena Zip Zone ripropone i tre spettacoli di Monsieur David: alle 20.30 Danse Du Pied; alle 21.30 Il mondo capovolto; alle 22.30 Fantasia a piede libero. All’altezza del civico 127 Finisterre propone alle 21, alle 21.45 e alle 22.30 il Circo Diatonico Trio, ensemble storico della musica di strada e di animazione, in Acrobazie: un basso tuba di fiati e l’organetto di Clara Graziano in un originalissimo repertorio ispirato al mondo del circo e dello spettacolo viaggiante. Nel cerchio colorato, pedana di esibizione, le performance di Gigi Capone con le sue giocolerie con clave, palline, sfere, diablo e le sue azioni teatrali piene di grande fascino e poesia.

ALICE!_CIRCO VERDE

Alice Bella torna con il suo spettacolo Alice!

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd alle 20.30 nuova performance sui Trampoli firmata questa volta Alice Blasi; Alice Bella torna con il suo spettacolo Alice! alle 21, mentre alle 22 torna il Fil Magic Show. Nuovo appuntamento alle 23 con Bon Bon Rouge in ‘Na scarpa e ‘Na panchina. Abraxa Teatro propone all’altezza di via della Salara Vecchia Don Chisciotte a cura Compagnia La Bottega dei Comici. Una compagnia di attori è stanca di fare teatro, di fare Commedia dell’Arte, e di mettere in scena il Don Chisciotte; gli attori, accettando di rifare lo spettacolo per l’ennesima volta, si trovano invischiati nel dilemma di capire dove finisce la loro identità e dove inizia la maschera che diventa l’unico motivo di benessere della loro vita (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). All’altezza della Colonna Traiana via dei Fori Imperiali ospita ancora una volta il fascino delle melodie brasiliane di Tropical a cura dell’Associazione Culturale Alt Academy (5 repliche alle 20.30, alle 21.15, alle 22, alle 22.45 e alle 23.15).

SABATO 20 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. In via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena per Zip Zone Andrea Mineo si esibisce in Boato, show di clownerie, ridicolo e coraggioso, dove la magia incontra la danza a grandi altezze grazie all’uso di trampoli, monocicli e giochi di prestigio (3 repliche alle 20.30, 21,30 e 22.30). Alle 21, 21.45 e 22.30 all’altezza del civico 127 Finisterre riporta in scena il Circo Diatonico Trio con Acrobazie.

MARIACHI_Alt Academy

I mariachi di Tierra de Mexico

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali con Il Circo Verde asd Alice Blasi torna sui Trampoli alle 20.30 mentre alle 21 e alle 23 nuovo appuntamento con Simone Romanò in Hop Hop; alle 22 c’è Spaiata di Gioia Santini. All’altezza di via della Salara Vecchia Abraxa Teatro porta in scena La Saga di Annone. Le avventure dell’elefante albino di Papa Leone X a cura Compagnia La Bottega dei Comici. Le maschere della commedia dell’arte ripercorrono fatti storici, in un bellissimo intreccio tra accadimenti reali del 1500 e una vicenda surreale, comica e divertente nata dal mistero dell’elefante albino (3 repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30). L’associazione culturale Alt Academy porta ancora una volta All’altezza della Colonna Traiana i mariachi di Tierra de Mexico (4 repliche alle 20.45, alle 21.30, alle 22.20 e alle 23.10).

DOMENICA 21 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Torna Daniele Antonini con Zip Zone in via dei Cerchi altezza incrocio Piazza di Porta Capena che replicherà lo spettacolo Big Babol circus innestandolo con un laboratorio – spettacolo di improvvisazioni e giochi circensi in cui gli spettatori saranno coinvolti attivamente (3 repliche alle 20.30, 21,30 e 22.30). Alle 21, alle 21.45 e alle 22.30 Finisterre propone all’altezza del civico 127 Fra la Gente e le Strade de Roma – Poesia in musica da Trilussa e Magni: spettacolo ispirato a Trilussa e ai suoni sonetti popolati da tipici personaggi, la casalinga, il commesso del negozio, la servetta, la signora, che si muovono su un tappeto sonoro ricco di sfumature, che va dalla canzone romana classica, ai suoni della Campagna Romana, per arrivare sino ai grandi classici tratti dalle opere di Luigi Magni.

Ghirigoro_Endaxi

Ghirigoro – Il Circo più piccolo del Mondo a cura della Compagnia Endaxi

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd torna Alice Bella in Alice! e alle 22 Spaiata di Gioia Santini. Alle 23 replica dello spettacolo Hop Hop di Simone Romanò. Alle 20.30, 21.30 e 22.30 Abraxa Teatro porta all’altezza di via della Salara Vecchia Ghirigoro – Il Circo più piccolo del Mondo a cura della Compagnia Endaxi. Un piccolo circo in cui sono presenti tutti gli elementi dell’arte di strada immersi in un’atmosfera comica e rocambolesca per travolgere di ilarità tutti gli spettatori con ScannaMago, clown dalle molteplici doti di acrobata, prestigiatore e giocoliere, e Tipota, la sua fida “collaboratrice clown”. All’altezza della Colonna Traiana tornano lo swing e il lindy hop dei Ruggenti 20’s a cura dell’associazione culturale Alt Academy (5 repliche alle 20.30, alle 21.15, alle 22, alle 22.45 e alle 23.15).

10.GIANLUIGICAPONE_Finisterre

Gianluigi Capone, artista di strada giocoliere e clown

LUNEDÌ 22 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. La compagnia Endaxi di Paolo Scannavino e il suo Scannamago con Tipota mettono in scena in via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena per Zip Zone Ghirigoro, il circo più piccolo del mondo con numeri divertenti pieni di brio e di energia, clownerie, giochi di equilibrio, colpi di scena e numeri circensi di elevato contenuto tecnico come il rola bola a più piani con le spade e passing con 7 clave e l’indimenticabile numero dei palloncini (3 repliche alle 20.30, 21,30 e 22.30). All’altezza del civico 127 Finisterre propone Pocket Circus, spettacolo per bambini dai 3 ai 99 anni de Il Circo in Valigia: un circo tutto da inventare, un clown, gli oggetti di una valigia e una buona dose d’immaginazione guideranno il pubblico verso il piacere creativo di un gioco poetico e divertente. Con Gianluigi Capone, artista di strada giocoliere e clown (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali Il Circo Verde asd propone alle 21 la replica del Brillo Show di Fabrizio Brillo e alle 22 Giocol-elia di e con Elia Bartoli. Alle 23 torna lo spettacolo a lume di candela di Niandra in Appuntamento al Buio. Abraxa Teatro propone all’altezza di via della Salara Vecchia in tre repliche alle 20.30, 21.30 e 22.30 Mario Versus Capitan A a cura di Circomare Teatro. Spettacolo che vuole difendere la libera arte di strada. Mario è un giocoliere che si appresta a fare il suo spettacolo ma la legge lo vieta e Capitan A viene incaricata di fermare l’esibizione; Mario si ribella e viene arrestato ma tenterà l’evasione. All’altezza della Colonna Traiana via dei Fori Imperiali risuonerà ancora una volta dell’African Tam Tam a cura dell’associazione culturale Alt Academy (3 repliche alle 20.45, alle 21.45 e alle 22.45).

Créme e Brulèe circo-cerini_zipzone

Il Circo Cerini con la compagnia Crème e Brulée

MARTEDÌ 23 AGOSTO 2022, VIA DEI CERCHI. Ultimo giorno su via dei Cerchi altezza incrocio piazza di Porta Capena con Zip Zone che propone il ritorno della compagnia Crème e Brulée che incanterà gli spettatori con altre repliche del Circo Cerini anticipato da numeri originali e incandescenti. Le due repliche (alle 20.30 e alle 22.30) dello spettacolo saranno intervallate dalla performance Marcel (alle 21.30), interpretato dall’attore e mimo Mele Ferrarini che intratterrà il suo pubblico con una performance di teatro, mimo e lettura animata della Recherche di Proust. Ultimo appuntamento all’altezza del civico 127 con Finisterre che propone I Racconti di Fernando – Pane e Pesci: spettacolo, frutto di una ricerca sulle possibili interazioni tra il teatro di figura, il teatro d’attore e quello di strada che cerca, attraverso un cantastorie, di raccontare poeticamente un’epoca, dagli anni prima del grande conflitto mondiale ai nostri giorni (3 repliche alle 21, alle 21.45 e alle 22.30).

VIA DEI FORI IMPERIALI. All’altezza del Tourist Infopoint Fori Imperiali per Il Circo Verde asd spettacolo sui Trampoli di Nicola Macchiarlo alle 20.30 e a seguire alle 21 Il Macchiarlo in Super Standard Show. Alle 22 torna La Compagnia della Settimana Dopo in Area 52 e alle 23 Niandra in Appuntamento al Buio. Ultimo appuntamento all’altezza di via della Salara Vecchia con Abraxa Teatro che propone alle 20.30, 21.30 e 22.30 Un pizzico di taranta a cura del gruppo musicale Le Tre meno un Quarto. Lo spettacolo spazia da canti a cappella dedicati al puro ascolto a musica da ballo, ripercorrendo le regioni del sud Italia in un vero e proprio viaggio sonoro: dai valzer siciliani al canto sul tamburo dell’area Vesuviana, dalle tarantelle calabresi alla pizzica salentina. E naturalmente le canzoni romane: serenate, stornelli e canti della malavita. All’altezza della Colonna Traiana tornano a risuonare i ritmi e le danze persiane con Passaggio ad Oriente a cura dell’Associazione Culturale Alt Academy (4 repliche alle 20.45, alle 21.30, alle 22.20 e alle 23.10).

Rovereto. “Sguardi al femminile” è il focus dell’edizione 2022 del RAM film festival: ecco l’immagine ufficiale

rovereto_rassegna-RAM_locandina-2022Qualche settimana fa sono state rese note le date: appuntamento a Rovereto per il RAM film festival è a Rovereto (Tn) dal 28 settembre al 2 ottobre 2022: film provenienti da tutto il mondo, incontri, visite sul territorio. Ora la Fondazione museo civico di Rovereto svela l’immagine coordinata dell’edizione 2022 che si accompagna ad un focus importante: SGUARDI AL FEMMINILE. Un riflettore puntato sul ruolo delle donne nella storia, su parità di genere e opportunità attraverso testimonianze di registe, archeologhe, scrittrici soprattutto da zone di crisi e da quei paesi in cui cultura e formazione non sono scontate, soprattutto per le donne.

Al parco archeologico sommerso di Baia il progetto “Arte sotto le Onde. Dal MEDITERRANEO ai CARAIBI”: Alfonso Cruz Suarez, il più importante pittore internazionale subacqueo, dipinge sott’acqua le antiche vestigia

baia_parco-sommerso_arte-sotto-le-onde_foto-pafleg

“Arte sotto le Onde. Dal MEDITERRANEO ai CARAIBI” al parco archeologico sommerso di Baia (foto pafleg)

Dipingere sotto il livello del mare, tra i mosaici romani. Succede al parco archeologico sommerso di Baia parte del parco archeologico dei Campi Flegrei. “Se è possibile visitare un intero Parco archeologico sommerso tuffandosi qualche metro sotto il livello del mare, perché non dovrebbe essere possibile portare la tradizione del vedutismo sott’acqua. Perché non poter dipingere immersi tra le rovine bagnate?”. Da qualche giorno un gruppo di amici cubani partecipano al progetto “Arte sotto le Onde. Dal MEDITERRANEO ai CARAIBI”.

baia_parco-sommerso_arte-sotto-le-onde_Alfonso Cruz Suarez_fabio-pagano_foto-pafleg

L’artista cubano Alfonso Cruz Suarez con Fabio Pagano, direttore del parco archeologico dei Campi Flegrei (foto pafleg)

Il progetto realizzato, sotto l’Alto Patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica di Cuba presso la Repubblica Italiana e il patrocinio UNESCO, ha portato a Baia una delegazione internazionale di studiosi, subacquei, archeologi e artisti subacquei. Il Parco sommerso di Baia, abituato a farsi fotografare e riprendere da troupe di tutto il mondo, questa volta si è messo in posa per essere ritratto dal più importante pittore internazionale subacqueo, Alfonso Cruz Suarez.

Sassari. Riapre il museo nazionale Archeologico ed Etnografico “Giovanni Antonio Sanna”, chiuso dal 3 dicembre 2018 per lavori di riallestimento, ristrutturazione e restauro. Ecco tutte le novità

sassari_archeologico_riapre-museo-permanente_ingresso_foto-drm-sardegna

L’ingresso del nazionale Archeologico ed Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” a Sassari (foto drm-sardegna)

Poco più di un anno fa, era il 19 giugno 2021, al museo nazionale Archeologico ed Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari, chiuso dal 3 dicembre 2018 per lavori di riallestimento, ristrutturazione e restauro, riapriva la sezione Etnografica nel Padiglione Clemente con la mostra-evento “Sulle tracce di Clemente”, ideata e realizzata da Antonio Marras. La mostra, aperta per oltre un anno fino al 30 settembre 2022, avrebbe accompagnato il pubblico alla riapertura del museo nazionale Archeologico ed Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari che rappresenta la più importante istituzione museale della Sardegna settentrionale. E ora siamo arrivati al momento tanto atteso.

sassari_archeologico_riapre-museo-permanente_fase-allestimento_foto-drm-sardegna

Una fase dell’allestimento del museo nazionale Archeologico ed Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari (foto drm-sardegna)

Mercoledì 3 agosto 2022 il museo Sanna riapre ai visitatori. Il giardino del Museo ospiterà l’inaugurazione del nuovo allestimento, realizzato in seguito ai lavori che hanno interessato diversi ambienti della struttura museale. Dopo l’inaugurazione sarà possibile visitare il Museo dalle 20 alle 23. La direttrice della Direzione regionale Musei Sardegna, Luana Toniolo, la direttrice del museo, Elisabetta Grassi, e il segretario regionale, Patricia Olivo, illustreranno il progetto del nuovo allestimento e le future attività. Interverrà il direttore della Direzione generale Musei, prof. Massimo Osanna. Le attività di recupero e riallestimento degli ultimi anni sono state portate avanti da diversi Uffici del ministero della Cultura: il Segretariato regionale del ministero della Cultura per la Sardegna con un progetto di riqualificazione del museo e l’allestimento della sala centrale del Padiglione Castoldi, a cura dell’archeologa Gabriella Gasperetti e dell’architetta Francesca Condò;  e la Direzione regionale Musei Sardegna, che negli ultimi mesi ha avviato un piano di lavoro per l’allestimento temporaneo dell’intero complesso museale, restituendo alla città i reperti più importanti del Museo Sanna. Una nuova veste, moderna e funzionale, riqualifica gli spazi e i percorsi di visita e da forma ad un museo sempre più partecipato ed inclusivo: la “casa” della città. Spazi e percorsi di visita sono stati progettati con l’obiettivo di realizzare un museo partecipato ed inclusivo.

sassari_archeologico_riapre-museo-permanente_vasi-figure-nere_foto-drm-sardegna

Vasi esposti nelle vetrine del museo nazionale Archeologico ed Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari (foto drm-sardegna)

Ecco le principali novità. MUSEO La sala centrale del museo storico, sotto una veste completamente nuova, è dedicata all’archeologo Vincenzo Dessì, studioso, esperto di numismatica e appassionato collezionista, con l’allestimento della sua collezione di beni archeologici. SALA CONFERENZE Una nuova sala conferenze, prima interna alle sale espositive, è stata realizzata in un’ala adiacente al museo per dare più spazio alle ricche collezioni. LUCE Nuove vetrate daranno più respiro alle sale espositive, insieme ad un nuovo impianto di illuminazione. GIARDINO Anche nel giardino si potranno apprezzare i nuovi percorsi di visita tematici.

Al via il Segesta Teatro Festival dove, nella terra del Mito, l’Antico incontra il Contemporaneo nel nome del Teatro: 44 appuntamenti con 26 spettacoli e 7 prime nazionali promosse dal parco archeologico di Segesta con la direzione di Claudio Collovà

segesta_parco-archeologico_teatro.antico_foto-regione-siciliana

Suggestiva immagine del teatro antico di Segesta (foto regione siciliana)

Nella terra del Mito, l’Antico incontra il Contemporaneo nel nome del Teatro. Nel mondo delle tecnocrazie, lo sguardo rivolto al Sacro. Nell’epoca dell’istantaneo, l’esperienza del tempo dilatato, sospeso, circolare. È il “Segesta Teatro Festival”, con la direzione artistica di Claudio Collovà, il programma di arti performative che si svolgerà dal 2 agosto al 4 settembre 2022 in uno dei parchi più affascinanti della Sicilia: 44 gli appuntamenti al parco archeologico di Segesta, in provincia di Trapani, fra il Teatro Antico, il Tempio Afrodite Urania e i comuni limitrofi circondati da vigneti e colline: Calatafimi Segesta, Contessa Entellina, Poggioreale, Salemi e Custonaci. Ben 26 gli spettacoli di cui 7 prime nazionali, per un intenso mese di programmazione multidisciplinare fra teatro, danza, musica, poesia, installazioni, spettacoli all’alba e notti a scrutare la volta celeste, progetti speciali, eventi diffusi e incontri. Da Virgilio Sieni a Salvatore Sciarrino, da Roberto Latini a Mimmo Cuticchio, da Compagnia Zappalà Danza a Mamadou Dioume, da Anna Bonaiuto a Giorgina Pi, passando per i Dervisci Rotanti di Damasco e i Cuncordu e Tenore di Orosei, Massimo Cacciari e Umberto Galimberti. E molto, molto altro. Il programma e tutte le informazioni sul sito https://www.segestateatrofestival.com/

Gaspare-Balsamo-4

L’artista Gaspare Balsamo apre il Segesta Teatro Festival 2022

Si inizia martedì 2 agosto 2022, alle 21.30, al belvedere “F. Vivona” di Calatafimi con Gaspare Balsamo in “Omu a mari. Il cunto delle sirene”, collaborazione e assistenza Paolo Consoli, disegno luci Stefano Barbagallo, produzione Mobilità delle Arti. Omu a mari e Epica fera fanno parte del dittico Horcynus, un progetto che nasce e si sviluppa a partire dalla riscrittura di alcune parti del romanzo di Stefano D’Arrigo, Horcynus Orca. Protagonisti sono sempre i pescatori e gli uomini di mare dello Stretto di Messina, una comunità di uomini e donne raccontata nel loro complesso e plurale mondo di significati e appartenenze. Qui, in Omu a mari, è sviluppato il rapporto di formazione che si viene a creare tra il vecchio raccamatore di reti da pesca e cuntista di sirene e i giovani ragazzi che si accingono a intraprendere la vita di mare. Mare costacosta casacasa regno delle sirene, vere e immaginarie, che contribuiranno alla crescita e alla formazione di questi giovani pescatori pronti a trafficare nuove e vecchie avventure nelle acque dello Scill’e Cariddi fatto e disfatto a ogni colpo di remo, dentro, più dentro, dove il mare è mare.

segesta_teatro-festival_teatro-antico-col-pubblico_foto-regione-siciliana

Il pubblico al tetro antico di Segesta segue gli spettacoli in cartellone (foto regione siciliana)

“Un festival, che vorrei dedicare idealmente a Peter Brook, uno dei massimi esponenti del Teatro del Novecento scomparso nei giorni scorsi”, scrive Alberto Samonà, assessore regionale alla Cultura e all’Identità siciliana. “Ed è un Festival in relazione con le migliori esperienze internazionali nel campo della creazione contemporanea che, nell’ottica della collaborazione fra parchi archeologici della Sicilia e tra istituzioni culturali, si muove insieme al festival Ierofanie di Naxos-Taormina e all’itinerante Festival della Bellezza”. Sono tre gli elementi principali che danno forma al “Segesta Teatro Festival 2022”: la predilezione dei linguaggi innovativi che rendono vivi e attuali i testi classici, uno sguardo panoramico che da Oriente volge verso Ovest e il recupero del Sacro in chiave contemporanea. Il Sacro come via necessaria a trascendere la realtà, a “superare la contingenza e la precarietà” attraverso “spettacoli che abbracciano temi eterni” e ci raccontano la “stratificazione del Mito”. Un modo per vedere ‘altro’ e andare ‘oltre’ attraverso un percorso fatto di emozioni, riflessioni e visioni del reale che, abbandonato il disincanto, magicamente si trova a poggiare su di un tempo immutato e immutabile, privo di orologi scandenti la quotidianità.

Napoli. Agosto al museo Archeologico nazionale: dai tesori dei depositi alla mostra sulla Sardegna. Il direttore Giulierini: “Un’occasione unica per abbronzarsi sotto il sole della cultura”. Il Mann sarà aperto a Ferragosto

napoli_mann_mostra-l-altro-mann_giulierini_foto-valentina-cosentino

Paolo Giulierini, direttore del museo Archeologico nazionale di Napoli, alla mostra “L’altro Mann. Depositi in mostra” (foto valentina cosentino)

Inizia agosto, il mese delle vacanze, di mare e spiagge assolate. Ma non solo. C’è anche un mare di cultura che ci aspetta, quello che offre il museo Archeologico nazionale di Napoli per agosto 2022: “Si possono fare viaggi incredibili e visitare luoghi misteriosi anche dentro un museo; ma c’è di più: solo in un museo possiamo viaggiare nel tempo”, commenta il direttore del Mann, Paolo Giulierini. “Per questo siamo aperti a tutti quegli esploratori curiosi che vogliano provare l’emozione di essere protagonisti di esperienze uniche tra l’Egitto, Pompei ed Ercolano, l’antica Grecia e Roma. L’estate è un’occasione unica per abbronzarsi sotto il sole della cultura”. Per tutto il mese, l’Archeologico sarà aperto tutti i giorni, eccetto il martedì (riposo settimanale), con i soliti orari (dalle 9 alle 19.30): il 7 agosto 2022, per l’iniziativa ministeriale della Domenica al Museo, l’ingresso sarà gratuito; a Ferragosto, ancora, cittadini e turisti potranno ammirare collezioni permanenti ed esposizioni in programma al Museo.

napoli_mann_mostra-l-altro-mann_bronzi-e-sculture_foto-valentina-cosentino

Bronzi e sculture “inediti” nella mostra “L’altro Mann. Depositi in mostra” (foto valentina cosentino)

Star della programmazione estiva del 2022 è l’allestimento “L’altro MANN”: nelle sale degli affreschi, cento reperti raccontano il lavoro di scavo negli immensi depositi dell’Archeologico. Manufatti spesso poco noti aprono, così, un interessante spaccato sulla vita alle falde del Vesuvio in epoca romana: suppellettili, decorazioni di giardini, arredi, affreschi e sculture delle domus raccontano una dimensione vivacissima, in cui arte e bellezza connotavano la vita quotidiana dei nostri antenati. A fine settembre, “L’altro MANN” avrà un ulteriore ampliamento con un focus sulle collezioni di tessili, ori e reperti di archeobotanica custoditi nei depositi museali.

napoli_mann_mostra-sardegna-isola-megalitica_allestimento 4_foto-mann

Il salone della Meridiana al museo Archeologico nazionale di Napoli ospita la mostra “Sardegna. Isola megalitica” (foto mann)

Per chi resta in città e non rinuncia a viaggiare, anche simbolicamente, da non perdere la mostra “Sardegna Isola Megalitica”, unica tappa italiana di un percorso espositivo che ha coinvolto San Pietroburgo, Berlino e Salonicco: tra i duecento reperti in allestimento, nel salone della Meridiana si staglia il Pugilatore, uno dei Giganti di Mont’e Prama, per la prima volta concesso in prestito proprio in occasione del tour internazionale della mostra. A corredo del percorso archeologico, il MANN ospita l’experience Nuragica, che consente di camminare in un antico villaggio megalitico: basta affidarsi alle suggestive riproduzioni in scala e alla realtà virtuale. Sino all’11 settembre 2022, giorno di chiusura della mostra “Sardegna Isola Megalitica”, con un biglietto di uno dei siti del circuito Extramann, si accederà al Museo a prezzo ridotto.

napoli_mann_sculture-pipistrello-di-ryan-mendoza_foto-valentina-cosentino

Le sculture a forma di pipistrello realizzate da Ryan Mendoza al museo Archeologico nazionale di Napoli (foto valentina cosentino

New entry estiva, nella sala delle nature morte nella sezione Affreschi, è l’installazione di due sculture a forma di pipistrello realizzate da Ryan Mendoza: in dialogo con due portalucerne vesuviani (metà I sec. d.C.), che riproducono la rara iconografia dedicata a questo animale notturno, le opere rientrano nel percorso itinerante “The golden calf”, partito dal Palazzo Reale di Palermo. Per gli appassionati di arte contemporanea, la mostra “Capri Caput mundi” merita una sosta nel corridoio degli Imperatori: ventidue acquerelli di Sergio Rubino raccontano l’isola azzurra tra storia, mito e fantasia, in un suggestivo percorso curato da Manuela Schiano e Bruno Flavio.

napoli_mann_mostra-fotografica_sing-sing_allestimento-sala-villa-dei-papiri_foto-luigi-spina

La mostra “Sing Sing. Il corpo di Pompei” allestita nella sala della Villa dei Papiri al museo Archeologico nazionale di Napoli (foto luigi spina)

C’è tempo sino a fine settembre, ancora, per visitare la l’esposizione fotografica “Sing Sing. Il corpo di Pompei” di Luigi Spina e, nella sala del Plastico di Pompei, la retrospettiva sui manga realizzata in rete con Comicon. In atmosfera vacanziera, non può mancare all’appello l’originale percorso “Archeologia da spiaggia”, grazie a cui Maurizio Finotto trasforma in installazioni d’arte contemporanea alcuni oggetti di plastica ritrovati sui litorali italiani.

Riccione. Al museo del Territorio incontro con Valentino Nizzo, direttore del museo nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma su “Comunità, partecipazione, inclusione: alcune sfide di Etru”

riccione_museo-del-territorio_incontro-con-valentino-nizzo_locandinaMusei come luoghi di comunità, partecipazione, inclusione e benessere: se ne parlerà martedì 2 agosto 2022, alle 21, al museo del Territorio di Riccione nell’incontro con il direttore del museo nazionale Etrusco di Villa Giulia, Valentino Nizzo. Il museo nazionale Etrusco di Villa Giulia, da quando ha ottenuto l’autonomia, ha cercato di intraprendere un articolato percorso per essere sempre più accessibile e inclusivo, parole d’ordine fondamentali per perseguire il traguardo di renderlo più simile possibile a una casa, a un luogo in cui si deve e si vuole tornare nel quale si è padroni e ospiti al tempo stesso. Il direttore racconta le iniziative attuate e i progetti futuri per rendere il museo un luogo di benessere, e sarà anche l’occasione per presentare pubblicamente la convenzione “Tular Rasnal – Etruschi senza confini” sottoscritta dal Comune di Riccione. Ingresso gratuito con prenotazione (museo@comune.riccione.rn.it, 0541600113).