#iorestoacasa. La sesta “pillola video” proposta dalla Fondazione Aquileia ci offre una visita al museo Archeologico nazionale di Aquileia insieme alla direttrice Marta Novello

Il museo Archeologico nazionale di Aquileia apre virtualmente le porte al pubblico, in questo momento di chiusura forzata. Così Aquileia aderisce alla campagna del MiBACT #iorestoacasa con una nuova proposta on-line: dieci narratori d’eccezione protagonisti di altrettante “pillole video” che verranno messe in rete sul canale YouTube e Facebook della Fondazione Aquileia. La sesta “pillola video” ci offre proprio una visita al “Museo Archeologico Nazionale di Aquileia” insieme alla direttrice Marta Novello. Il museo Archeologico nazionale di Aquileia è un’istituzione molto antica, nata nel 1882 quando Aquileia faceva parte dell’impero austro-ungarico. La sede fu scelta all’interno di una villa neoclassica appartenuta alla famiglia Cassis Faraone, che aveva anche grandi interessi collezionistici, e divenne ben presto il centro di raccolta, di esposizione, di valorizzazione ma anche di tutela del grandissimo patrimonio aquileiese. “Nell’attuale percorso espositivo”, spiega la direttrice Marta Novello, “abbiamo cercato di reimpostare completamente il percorso che mette al centro della narrazione in maniera evidente la città di Aquileia, che fu fondata nel 181 a.C. come avamposto della Repubblica di Roma verso le conquiste dell’area balcanica e di tutta quella parte orientale e settentrionale dell’Europa. Aquileia proprio in relazione alla sua posizione strategica, al collegamento tra Oriente e Occidente, tra Mediterraneo e regioni centrali e settentrionali dell’Impero, fu un centro di grandissima importanza sia strategica che economica e culturale”.

Museo Archeologico nazionale di Aquileia: la statua del navarca con la prua di nave nel frammento del monumento funerario (foto Graziano Tavan)

Uno degli elementi maggiormente rappresentativi nel museo di Aquileia è la statua ritratto. “Grandi statue ritratto – ricorda Novello – venivano collocate al centro di monumenti funerari, architettonici, a forma di edicola, che rappresentavano il defunto o, in alcuni casi, anche la coppia dei defunti. All’interno di questa tipologia di monumento funerario, spiccano alcuni esemplari particolarmente importanti: uno di questi è la statua del cosiddetto navarca. Una statua che, diversamente dalle altre raffigura, il defunto in nudità eroica: quindi come un eroe greco. La definizione di navarca deriva dal fatto che, all’interno del monumento funerario di questo ricco personaggio, era presente la raffigurazione della prua di una nave. Questo elemento, insieme alla presenza della corazza e della spada, ci fa ci fa interpretare questo defunto come un importante ammiraglio che ha sicuramente avuto un ruolo molto importante in quelle numerose battaglie navali che hanno caratterizzato la fase di passaggio tra la repubblica e l’impero romano”.

Tag:, , , , ,

Una risposta a “#iorestoacasa. La sesta “pillola video” proposta dalla Fondazione Aquileia ci offre una visita al museo Archeologico nazionale di Aquileia insieme alla direttrice Marta Novello”

  1. Italina Bacciga dice :

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: