Archivio tag | soprintendenza per i Beni culturali e ambientali di Enna

Enna. Alla Soprintendenza giornata di studi in presenza su “Età del Bronzo. Nuovi dati dall’archeologia preventiva nella Provincia di Enna nel contesto della tarda preistoria in Sicilia”: saranno illustrate le ricerche archeologiche preliminari alla realizzazione del Metanodotto Snam Gagliano-Termini Imerese

Con una giornata di studi su “Età del Bronzo. Nuovi dati dall’archeologia preventiva nella Provincia di Enna nel contesto della tarda preistoria in Sicilia” riprendono le attività culturali in presenza. Nella sala convegni della soprintendenza per i Beni culturali e ambientali di Enna, giovedì 7 aprile 2022, alle 9.30, la soprintendenza organizza, con il supporto di SNAM e di SICILSALDO, una Giornata di studi che avrà come tema l’Età del Bronzo nel territorio ennese, alla luce dei nuovi dati scientifici emersi nel corso delle recenti ricerche e indagini archeologiche sul campo, effettuate nell’ambito dell’archeologia preventiva, sotto la direzione scientifica della Sezione per i beni archeologici, le quali stanno portando ad acquisire risultati e dati molto importanti per la Storia e l’Archeologia della Sicilia. L’intento è quello di avviare un confronto tra gli studi provenienti da indagini archeologiche effettuate sugli Erei e i Nebrodi e sui siti dell’Età del Bronzo Medio siciliani da parte di archeologi e accademici nazionali e internazionali che hanno curato le ricerche sul campo. Nell’occasione saranno illustrate le ricerche archeologiche preliminari effettuate ai fini della realizzazione dei lavori del Metanodotto Snam Gagliano-Termini Imerese che hanno consentito di portare alla luce i resti di vari insediamenti e beni isolati di rilevanza archeologica tra Nicosia e Gagliano Castelferrato lungo il tracciato del gasdotto. Tra questi, le tracce di un insediamento dell’età del Bronzo Medio in Contrada da Piane nel territorio di Gagliano Castelferrato, e, tra i primi resti, emersi una capanna di forma ovoidale del II millennio a.C., una piastra fittile integra utilizzata per la cottura all’interno di un fondo di un’altra capanna ovoidale, molti resti archeobotanici che testimoniano coltivazioni di cereali e attività di allevamento e vari frammenti ceramici tra i più interessanti ed originali della Sicilia. Grazie a questa prima fase di indagine, attuata tramite accurati scavi stratigrafici, sarà possibile ottenere nuovi dati che, una volta studiati ed approfonditi, daranno informazioni scientifiche importantissime per la comprensione dei fenomeni insediativi nel periodo del Bronzo Siciliano, in un contesto poco o per nulla indagato. In programma quattro sezioni: alle 10, La Soprintendenza di Enna e la ricerca archeologica nella provincia di Enna; alle 10.40, I recenti dati dell’Archeologia preventiva in provincia di Enna; alle 15.30, I dati delle nuove ricerche nel contesto dell’Età del Bronzo tra gli Erei e i Nebrodi; alle 17.15, I dati delle nuove ricerche nel contesto della Sicilia dell’Età del Bronzo.