Archivio tag | Giovanna d’Elia

Napoli. All’auditorium del museo Archeologico nazionale per “Lo scaffale del MANN” presentazione del libro “Briciole di bellezza. Dialoghi di speranza per il futuro del Bel Paese” del filosofo Filippo Cannizzo

napoli_mann_libro-briciole-di-bellezza_di-filippo-cannizzo_locandinaMercoledì 16 marzo 2022, alle 17, all’Auditorium del museo Archeologico nazionale di Napoli,  (Piazza Museo 18/19), nell’ambito dell’iniziative previste dal ministero della Cultura per la Giornata nazionale del Paesaggio, sarà ospite d’eccezione della manifestazione “Lo scaffale del MANN” il filosofo Filippo Cannizzo, per la presentazione del libro “Briciole di bellezza. Dialoghi di speranza per il futuro del Bel Paese”. Modera la giornalista Carmine Ciniglia. Dopo i saluti del direttore del Mann, Paolo Giulierini, intervengono con l’autore Antonio Carannante, Giovanna D’Elia, Davide D’Errico, Antonello De Nicola, Mariano Di Palma, Claudio Bozzaotra, Emiliana Mellone, Bruno Ciniglia.

filippo-cannizzo

Il filosofo Filippo Cannizzo

Filippo Cannizzo è un filosofo e ricercatore universitario. Ha insegnato a Bologna, Napoli, Roma e, dopo aver collaborato con l’Istituto Luigi Sturzo e la Fondazione Ugo Spirito, ha diretto l’ICC Castelli. Tra i promotori dell’evento internazionale “The Economy of Francesco”, è stato tutor presso la “XIII UNESCO Creative Cities Conference Fabriano 2019” e ha coordinato le iniziative di ResiliArt Italy: Bellezza di Unesco. Cannizzo, promotore di una legge per la bellezza nel Bel Paese, ideatore del Festival di Filosofia in Ciociaria e direttore scientifico del convegno “Sulle tracce della bellezza” per la Regione Lazione, per il best seller “Briciole di Bellezza. Dialoghi di speranza per il futuro del Bel Paese” ha ricevuto il premio nazionale “Per la Filosofia” 2018, il premio internazionale “SCRIPTURA” 2019. E’ “EU Ambassador Beauty&Gentletude” 2021-2022.

libro_briciole-di-bellezza_di-filippo-cannizzo_copertina

La copertina del libro libro “Briciole di bellezza. Dialoghi di speranza per il futuro del Bel Paese”

“Briciole di bellezza”. “È una storia d’amore. La storia d’amore per il Bel Paese. Questo è un viaggio attraverso la fragilità della bellezza dell’Italia, fra difficoltà e possibili soluzioni, alla ricerca di una speranza per il futuro”. Con queste parole, l’autore introduce un saggio animato dalla volontà di non rassegnarsi di fronte ai molti problemi che avviluppano la penisola. Il volume, in cui lo stile scientifico si fonde al racconto, si propone di indicare una strada possibile da percorrere per dare un futuro al Bel Paese, la via tracciata dalla bellezza della penisola italiana. Bellezza intesa come un elemento vivo, diffuso, presente in Italia. Bellezza come condivisione, cura dell’arte e della cultura, sostenibilità ambientale. Bellezza come possibilità di progresso, di crescita e di lavoro per il paese. Perciò, per ciascuna delle questioni affrontate nello sviluppo della narrazione (dissesto idrogeologico, scuola, università, lavoro, trasporti, violenza contro le donne, sanità, paesaggio) vengono proposte delle possibili soluzioni, concrete e suffragate da studi specifici sui singoli temi. Questo libro è una dichiarazione d’amore per l’Italia, uno stimolo a non arrendersi davanti ai tentativi di deturpare il profilo e l’anima del Bel Paese. Un libro dedicato a chi non vuole rinunciare all’impegno per cambiare questo paese, perché solamente dalla bellezza (forse) un giorno nascerà il futuro.

Napoli. Al via al museo Archeologico nazionale “La Formazione del Mann: essere e fare squadra nell’era digitale”, il percorso formativo per i dipendenti del museo. Giulierini: “Il Mann è un modo d’essere, prima che un Museo”

Parte il percorso formativo dedicato ai dipendenti del museo Archeologico nazionale di Napoli “La formazione del Mann: essere e fare squadra nell’era digitale”: mesi di lezioni e incontri che, da febbraio sino alla conclusione dell’anno, aiuteranno a sviluppare nuove e necessarie skill, non solo ‘hard’ (competenze tecniche), ma anche ‘soft’ (comportamentali e relazionali). Un viaggio innovativo e originale che si apre al museo: inedita, infatti, l’attitudine di un istituto culturale a dedicare una lunga e approfondita proposta didattica al tema delle competenze trasversali, vitali per agire efficacemente e in armonia con gli altri. Il benessere di un’organizzazione nasce infatti dallo spirito di squadra: questo principio rientra nella programmazione strategica 2020/2023 del museo Archeologico nazionale di Napoli. È in tale prospettiva il Mann, in collaborazione con la società HR Focus Consulting, propone questo percorso formativo destinato a tutti i dipendenti dell’Istituto. L’iniziativa rientra nel PON Cultura e Sviluppo 2014-2020 (Progetto “Applicazione di modalità e strumenti innovativi in relazione al sistema dei servizi di accoglienza e di supporto alla fruizione degli attrattori e creazione di strumenti per gestire e promuovere i sistemi delle conoscenze degli attrattori”): le nuove tecnologie, infatti, richiedono l’applicazione di diverse competenze anche al mondo del lavoro.

La grande famiglia del museo Archeologico nazionale di Napoli (foto mann)

“Per noi il primo bene culturale è sempre stata la persona”, commenta il direttore del Mann, Paolo Giulierini. “Investire in formazione per la crescita professionale di chi passa tanta parte della vita in un Istituto costituisce uno dei pilastri della gestione del Mann, che è un modo d’essere prima che un Museo. Mentre fuori infuriava la tempesta e sembrava tutto perduto, ci siamo tenuti per mano come in una grande famiglia.  Ora, dopo la catastrofe, i germogli della speranza stanno nascendo e si preparano a diventare messi. Non si tratta di grano però, ma di donne e uomini”. E Giuseppe Li Volti, Ceo e Founder di Focus Consulting: “Il progetto ha l’obiettivo di trasferire e far acquisire competenze, comportamenti e metodo professionale verso il cliente interno ed esterno, con particolari focus sulla comunicazione, sul lavoro di squadra e sulla valorizzazione digitale, in sintonia con l’Identità e lo Stile Mann sviluppati e comunicati negli ultimi anni dal Museo”.

Progetto “La formazione del Mann”: un momento della didattica (foto mann)

Le soft skill sono alla base delle organizzazioni, pubbliche o private che siano: possono influenzare la cultura, la mentalità, la leadership, gli atteggiamenti e i comportamenti non solo del singolo, ma dell’intera squadra. Prima di una buona pratica, rappresentano la percezione e la condivisioni di valori. Durante il percorso formativo al Mann, i dipendenti (amministrativi, scientifici e personale di custodia) saranno affiancati dal team di coach, docenti e formatori esperti della società Focus Consulting. Ogni incontro sarà svolto in maniera esperienziale ed avrà una durata di 4/6 ore (mezza giornata). Per ogni singola sessione formativa saranno formati gruppi di 10/15 persone (divisi per target). Per alcuni gruppi è prevista anche una giornata di Team building. Le tematiche affrontate in aula saranno: comunicazione nell’era 4.0; strumenti e metodo per la gestione del team; team working; ruolo: tra identità e valori. “Saper comunicare con empatia, lavorare in gruppo, avere strumenti manageriali e di leadership per gestire le complessità di un lavoro che prevede contatto e interazione con gli altri: oggi dobbiamo parlare di competenze phygital (100% digitali e 100% relazionali) in base alle quali è possibile usare la tecnologia per costruire un ponte tra mondo digitale e fisico, con l’obiettivo di qualificare le relazioni e di fornire all’utente esperienze interattive uniche nel loro genere”, conferma Giovanna d’Elia, HR Director di Focus Consulting e responsabile del progetto.