Archivio tag | sotterranei del Colosseo

Roma. “La luna sul Colosseo”: il parco archeologico del Colosseo riprende le visite notturne dell’anfiteatro flavio con Electa e CoopCulture. Nuovo percorso: dall’antica Roma (piano dell’arena e sotterranei) a quella cristiana. Novità: la veduta ideale della città di Gerusalemme con videomapping

roma_la-luna-sul-colosseo_2_Colosseo-di-notte_foto-PArCo

L’anfiteatro flavio illuminato per le visite notturne: torna “La luna sul Colosseo” (foto PArCo)

Tornano le serate al Colosseo con nuove emozioni. Il parco archeologico del Colosseo riprende da venerdì 20 maggio 2022 le visite notturne dell’anfiteatro flavio, in collaborazione con Electa e Coopculture. Per questa edizione 2022 de “La luna sul Colosseo” è stato messo a punto un nuovo percorso. La visita guidata affronta sia la storia più nota del monumento, quella dell’anfiteatro nell’antica Roma raccontata attraversando il piano dell’arena e i sotterranei, sia quella cristiana. Quest’ultima prende l’avvio dal dipinto murario del XVII secolo raffigurante una veduta ideale della città di Gerusalemme: grande novità del percorso di quest’anno. Tutti i venerdì e i sabato da maggio a dicembre, e solo tra giugno e ottobre giovedì-venerdì-sabato, la visita riservata a non più di 25 persone ingloba l’esteso percorso dei sotterranei. Orari visite guidate in italiano e in inglese, dalle 20 alle 22.30. Biglietti: 25 euro, intero; 22 euro, ridotto (gruppi/intero slot a tariffa fissa/adulti con under 25); 20 euro, young under 25. Info e prevendita: t. 06.39967700 lunedì-domenica 9-17. www.coopculture.it.

roma_la-luna-sul-colosseo_2_ipogei Colosseo_foto-PArCo

Il percorso illuminato degli ipogei per le visite notturne nei sotterranei del Colosseo nell’ambito de “La luna sul Colosseo” (foto PArCo)

L’itinerario attraversa le gallerie e passaggi in cui si svolgevano i preparativi degli spettacoli, dove erano stoccati i materiali scenici e dove gli animali, chiusi in gabbie, venivano poi caricati sui montacarichi per raggiungere il piano dell’arena per le venationes, le famose scene di caccia. L’arena era anche teatro dei combattimenti tra gladiatori. Attraversando una passerella di più di 160 metri le viscere del monumento non avranno più segreti e, con il favore della notte, si potrà rivivere appieno l’atmosfera che avvolgeva quegli spazi.

roma_colosseo_dipinto-di-gerusalemme_videomapping_1_foto-PArCo

Il videomapping della veduta ideale – a volo d’uccello – della città di Gerusalemme sull’arco di fondo del fornice occidentale, la cosiddetta Porta Trionfale del Colosseo (foto PArCo)

Nel percorso di visita si inserisce per la prima volta la lettura multimediale del dipinto che raffigura una veduta ideale – a volo d’uccello – della città di Gerusalemme, posto sull’arco di fondo del fornice occidentale, la cosiddetta Porta Trionfale: la stessa dalla quale entravano i gladiatori e le belve che si affrontavano sull’arena. Della durata di 7 minuti, le videoproiezioni, ideate e curate dal parco archeologico del Colosseo e realizzate da Karmachina con Electa, occupano lo spazio delle due lunette del fornice occidentale: da un lato una selezione di 22 scene rappresentate nel dipinto, posto a 8 metri d’altezza, dall’altra l’incisione con la stessa iconografia di Antonio Tempesta del 1601. La narrazione immersiva, favorita dalla luce fioca della sera, consente di mettere a fuoco i racconti del Vecchio e Nuovo Testamento contenuti nel dipinto: le vicende della Passione e Resurrezione di Gesù con le croci che rappresentano il Gòlgota; la stella cometa premonitrice della distruzione di Gerusalemme, al di sotto della quale sfilano figure di profeti, e dove si riconoscono l’adorazione di Moloch e il martirio di Isaia.

roma_colosseo_via-crucis_croce_foto-PArCo

Via Crucis: la croce all’interno del Colosseo (foto PArCo)

Il dipinto ricorda che il Colosseo ha continuato a vivere anche dopo la fine dell’impero romano. In particolare, nel 1750 per volontà di Papa Benedetto XIV è diventato sede dell’ormai tradizionale via Crucis, allo scopo di rafforzare il senso della missione storica del papato. La visita prosegue, infatti, passando davanti a una delle edicole della via Crucis e alla croce, entrambe poste lungo il perimetro dell’arena. Qui termina l’itinerario con lo straordinario affaccio sulla complessa ossatura dei sotterranei e sulla vastità degli spalti della cavea, scavati dalle ombre della notte e che ospitavano oltre 60 mila spettatori.

Roma. Col biglietto Full Experience ora si possono visitare anche i sotterranei del Colosseo dove si preparavano i gladiatori e si allestiva la macchina scenica che poi compariva sul piano dell’Arena

Le magiche atmosfere dei sotterranei del Colosseo a Roma (foto PArCo)

Nei sotterranei del Colosseo si svolgevano i preparativi per gli spettacoli. L’apparato “tecnico” era coperto dal piano dell’arena, in cui si aprivano diverse botole: uomini e animali apparivano a sorpresa, sollevati da montacarichi mediante un complesso sistema di argani. Costruiti in legno per l’inaugurazione, i sotterranei furono trasformati durante il regno di Domiziano in murature stabili. A rischio di crolli e incendi per le caratteristiche strutturali e l’ampia presenza di legno e corde, furono distrutti dall’incendio che nel 217 danneggiò gravemente tutto il monumento, determinandone la chiusura fino al 222. Ricostruiti in quella occasione, subirono trasformazioni anche durante gli ultimi due secoli di attività, fino al loro completo interramento. Oggi i sotterranei si estendono per circa mezzo ettaro. Sono visibili quattordici corridoi, posti simmetricamente ai due lati del grande corridoio centrale. Alle estremità si trovano le “camere di manovra”: ambienti simmetrici che ospitavano grandi montacarichi, delimitati da gallerie convergenti usate come darsene per le naumachie (combattimenti navali) documentate in occasione dell’inaugurazione del monumento. Infatti, quando l’arena di legno fu sostituita dall’impianto in muratura, non furono più allestiti spettacoli acquatici. I sotterranei sono visitabili acquistando il biglietto Full Experience (vedi https://archeologiavocidalpassato.com/2020/07/21/roma-ora-ce-il-biglietto-full-experience-che-vale-48-ore-per-chi-desidera-scoprire-il-foro-romano-il-palatino-museo-casa-di-augusto-s-maria-antiqua-rampa-domizianea/) che da settembre consente l’accesso appunto anche ai sotterranei.