Archivio tag | museo archeologico nazionale di Adria

Adria. Per le Giornate europee del Patrimonio visite guidate ai depositi del museo Archeologico e apertura serale straordinaria

adria_archeologico_giornate-europee-del-patrimonio_depositi-del-museo_locandinaIn occasione delle Giornate Europee del Patrimonio visite guidate ai depositi del museo Archeologico nazionale di Adria a cura del personale con prenotazione obbligatoria allo 0426 21612. Sabato 24 settembre 2022, dalle 20 alle 23 (ultimo ingresso alle 22): in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio: apertura straordinaria serale con ingresso a 1 euro e visita guidata a cura della direttrice Alberta Facchi “I vetri di Adria. Le novità”. Prenotazioni allo 0426 21612. Domenica 25 settembre 2022, alle 15; 16; 17: in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio: visite guidate ai depositi del museo a cura del personale. Prenotazione obbligatoria allo 0426 21612.

Caorle. Al museo nazionale dell’Archeologia del Mare per il terzo appuntamento di “STORIE RIEMERSE. L’archeologia tra ricerca e racconto museale” presentazione della guida del museo Archeologico nazionale di Adria

caorle_archeologico_storie-riemerse_guida-del-man-di-adria_locandinaConto alla rovescia per il terzo appuntamento con “STORIE RIEMERSE. L’archeologia tra ricerca e racconto museale” al museo nazionale dell’Archeologia del Mare di Caorle: sabato 27 agosto 2022, alle 18.30, ospite è il museo Archeologico di Adria, con dialogo a due voci tra i due direttori, Federico Bonfanti e Alberta Facchi, in occasione della presentazione della nuova guida del MAN Adria, a cura di Alberta Facchi e Stefania Paiola. Testi di Giovanna Gambacurta e Loretta Zega. Schede tematiche di Sandra Bedetti, Fiorenza Bortolami, Alberta Facchi, Marta Franzin, Andrea Gaucci, Stefania Paiola, Cinzia Tagliaferro, Maria Cristina Vallicelli, Federica Wiel-Marin (vedi Adria. Al museo Archeologico nazionale presentazione della nuova Guida a cura di Alberta Facchi e Stefania Paiola per la collana “Quaderni della direzione regionale musei Veneto” | archeologiavocidalpassato). L’evento è gratuito. Per informazioni: tel. 042183149 o 3479941448, mail ddm-ven.museocaorle@beniculturali.it.

Delta Archeo Festival: il primo festival di archeologia interregionale condotto tra Adria, San Basilio, Comacchio e Pomposa. Eventi itineranti, mostre, tour guidati, laboratori, rappresentazioni teatrali, musicali, convegni e workshops scientifici  

adria-san-basilio-comacchio-pomposa_delta-archeo-festival_locandinaDal  27 al 29 maggio 2022, c’è Delta Archeo Festival: il primo festival di archeologia interregionale condotto tra Adria, San Basilio, Comacchio e Pomposa, tre giorni di eventi itineranti dove mostre, tour guidati, laboratori, rappresentazioni teatrali, musicali, convegni e workshops scientifici  ci accompagneranno alla scoperta del valore archeologico e culturale dei territori del MAB UNESCO del Delta del Po Emiliano-Romagnolo e Veneto coinvolti nel progetto VALUE, finanziato dal programma di cooperazione INTERREG CBC Italia Croazia 2014-2020 e cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale: Comacchio e Pomposa di Codigoro (Ferrara) e Adria e Ariano nel Polesine (Rovigo).

adria_museo-archeologico_vetrina-vetri-antichi

La famosa vetrina dei vetri antichi al museo Archeologico nazionale di Adria (foto Drm-Veneto)

PROGRAMMA al museo Archeologico di Adria. Venerdì 27 maggio 2022. Alle 19, ITINERARIO CULTURALE: Tra strade e palazzi di Adria. Un trekking urbano alla scoperta della città. Ritrovo presso giardino del Museo Archeologico di Adria. Sabato 28 maggio 2022. Alle 15, Bike&Boat Adria-Loreo. Escursione lungo “il fiume di mezzo” che alterna la barca alla bicicletta; partenza in barca da Adria per raggiungere la località di Retinella; trasferimento in bicicletta presso l’Antiquarium di Loreo per scoprire un piccolo museo archeologico. Alle 17, pARCHEO giochi al Museo. Presentazione alla cittadinanza delle installazioni ludiche nel giardino del Museo Archeologico di Adria, a cura della direttrice del museo. Alle 17.30, LABORATORIO DIDATTICO. Giù la maschera! Dalla nascita all’evoluzione del teatro. Divertiamoci insieme nella creazione di una maschera di argilla. Alle 17.30, VISITA GUIDATA Contatti. Percorso alla scoperta dei rapporti commerciali tra i diversi popoli che hanno portato a contaminazioni culturali e linguistiche. Domenica 29 maggio 2022. Alle 16.30, CONFLICT ARCHAEOLOGY – Quel che resta della Grande Guerra | lezione recitata” di Valentina Cabiale, con Giuliano Comin (Lo stagno di Goethe Ets). Un viaggio tra le tracce “tangibili” della Grande Guerra, a partire da un paio di soprascarponi in paglia usati un secolo fa a Punta Linke. L’archeologia dei conflitti cerca di comprendere il rapporto tra le rimanenze di ciò che è stato e il modo in cui vogliamo – o non vogliamo – integrarle e riconoscerle nel presente. Alle 17 30, LABORATORIO DIDATTICO Porti, merci e mercanti. Attività ludica per scoprire le curiosità della nave romana. Alle 17.30, VISITA GUIDATA. Plastiche trasparenze. Percorso tematico alla scoperta dei pregiati reperti di vetro conservati all’interno del Museo.

ariano-polesine_sito-san-basilio

L’area archeologica di San Basilio, vicino ad Ariano Polesine: i reperti sono al museo di Adria (foto drm-veneto)

PROGRAMMA a San Basilio / centro turistico Ariano. Venerdì 27 maggio 2022. Alle 9, LABORATORIO DIDATTICO. Dagli alberi alle navi I boschi da sempre forniscono materia prima per le attività umane. Attraverso questo laboratorio scopriremo i numerosi resti di imbarcazioni lignee del territorio deltizio. Alle 21, VISITA GUIDATA. Lupi, ambra, strade e pellegrini Passeggiata archeo – animata da letture a tema tra la Pieve e la vicina area archeologica. Sabato 28 maggio 2022. Alle 9, LABORATORIO DIDATTICO Un Delta di Navi Creiamo insieme un portolano in forma di carta archeologica. Alle 18, DIALOGHI DI ARCHEOLOGIA. Alle origini della cristianità nel Delta del Po. Un dialogo dalle origini del cristianesimo al medioevo nel sito archeologico di San Basilio. Alle 19, RAPPRESENTAZIONE DI DANZA, MUSICA E ARTE “La Divina Comedia con una m sola”. L’ attore Andrea Zanforlin allieterà il pubblico con un reading parlato e suonato: “La Divina Comedia con una m sola” ispirato liberamente alla Divina Commedia e dedicato alla pluricentenaria quercia di San Basilio, sulla quale, si narra, Dante si fosse arrampicato per ritrovare la strada per casa. La Pieve di San Basilio. Domenica 29 maggio 2022. Alle 9.30, VISITA GUIDATA. Un tocco di antico. Visita guidata archeoambientale, per approcciarsi all’archeologia con un “tocco di antico”. Alle 10.30, ITINERARIO CULTURALE. Pedalando tra Passato, Presente e Futuro. Una pedalata immersi nel verde per scoprire lo scrigno di ricchezze storiche ed archeologiche di San Basilio, arrivando al Museo della Bonifica di Ca’ Vendramin. Incontro Centro Turistico Culturale di San Basilio. Venerdì 27, sabato 28 domenica 29 maggio 2022. FLUIDE FRONTIERE Percorso dell’artista Miranda Greggio che nasce dal dialogo tra terra ed acqua, tra fiumi e mari, tra acque dolci e salate, il cui profilo arriva a confondersi con il mare nel suo grande Delta. Percorso esperienziale innovativo, dove l’antico e il contemporaneo fondono in un dialogo che enfatizza le rispettive peculiarità. Centro Turistico Culturale di San Basilio.

codigoro_abbazia-pomposa_foto-mibact

L’abbazia di Pomposa e museo Pomposiano (foto mibact)

PROGRAMMA all’Abbazia di Pomposa / Codigoro. Venerdì 27 maggio 2022. Alle 17, DIALOGHI DI ARCHEOLOGIA. “Vien dietro a me, e lascia dir le genti, sta come torre ferma, che non crolla giammai per soffiar de’ venti”. Incontro di narrazione alla Sala delle Sfilate per scoprire il territorio attraverso la voce del sommo Poeta in un dialogo tra letteratura e storia. Sabato 28 maggio 2022. Alle 10, VISITA GUIDATA. C’era una volta il bosco. Trekking storico-naturalistico tra i sentieri di Bosco Spada. Incontro Abbazia di Pomposa. Alle 15.30, VISITA GUIDATA. Alla scoperta dell’Abbazia di Pomposa. Visita guidata all’Abbazia di Pomposa, al Refettorio, alla sala del Capitolo e al Museo Pomposiano. Domenica 29 maggio 2022. Dalle 10 alle 17. LABORATORIO DIDATTICO. Intrecci della storia. Alla scoperta dell’arte della scrittura, delle attività di un monaco amanuense, delle armi e il vestiario di un guerriero medioevale. Compagnia d’Arme della Lince. Nel cortile dell’Abbazia di Pomposa. Alle 10, VISITA GUIDATA. Alla scoperta dell’Abbazia di Pomposa. Visita guidata all’Abbazia di Pomposa, al Refettorio, alla sala del Capitolo e al Museo Pomposiano. Alle 10.30, VISITA GUIDATA. Tracce di Conflitto. Alla scoperta dei bunker della Seconda Guerra Mondiale. Incontro Abbazia di Pomposa. Alle 17.30, RAPPRESENTAZIONE DI DANZA, MUSICA E ARTE. Performance site specific: “Il Settimo Cielo di Saturno” Attraverso il linguaggio del corpo, e di una voce narrante, si racconterà, tra simbolismo e realtà, l’evolversi della Storia dell’Abbazia di Pomposa. Coreografie di Romina Zangirolami, regia e recitazione di Davide Pedriali, danza Gianluca Possidente. Cortile dell’Abbazia di Pomposa.

comacchio_museo-delta_sede

L’Ospedale degli Infermi, a Comacchio, prestigiosa e monumentale sede del museo del Delta antico

PROGRAMMA di Comacchio. Venerdì 27 maggio 2022. Alle 11, Prolusione della mostra “Spina 100. Dal mito alla scoperta”. Salone della Civica Scuola di Musica, via della Pescheria 2, Comacchio FE. Alle 16.30, VISITA GUIDATA DUE PASSI NELLA STORIA. Visita guidata alle origini della civiltà del Delta Antico. Museo del Delta Antico Via Agatopisto, Comacchio FE. Alle 17.30, ITINERARIO CUTURALE. Tra ponti e canali Trekking urbano nel centro storico di Comacchio. Incontro IAT di Comacchio Via Agatopisto 2, Comacchio FE. Sabato 28 maggio 2022. Alle 15, ITINERARIO CULTURALE. Bike&Boat. Valli di Comacchio e Centro Storico. Un percorso che alterna la barca alla bicicletta attraversando la laguna e gli argini delle Valli. Al termine visita alla mostra celebrativa del centenario della scoperta di Spina presso Palazzo Bellini. Incontro Manifattura dei Marinati Corso G. Mazzini 200, Comacchio FE. Alle 21, SPETTACOLO MULTIMEDIALE Comacchio, piccola onda, si racconta. Una storia millenaria in luci, suoni e parole. Da Trepponti, uno dei luoghi più suggestivi di Comacchio, parte un viaggio nello spazio e nel tempo affidato alla potenza CO MAC CHIO evocativa della musica e della voce, mentre le luci esaltano e ridisegnano un’architettura unica nel suo genere. Un breve viaggio che fonde in modo suggestivo storia e leggenda, mito e tradizione, cultura e natura. Luci di Claudio Cervelli – Narrazione di Stefania Carlesso- Eseguita presso Venice Classic Radio. Trepponti di Comacchio. Domenica 29 maggio 2022. Alle 10.30, VISITA GUIDATA. Confini d’acqua Passeggiata tra natura e storia alla scoperta del villaggio etrusco. Incontro Stazione Foce – Valli di Comacchio. Alle 11, LABORATORIO DIDATTICO. Decorazione su rame Come funziona la tecnica di lavorazione dello sbalzo? Questo laboratorio che permetterà di modellare una lamina in metallo. Museo del Delta Antico di Comacchio Via Agatopisto, Comacchio FE. Alle 12, VISITA GUIDATA DUE PASSI NELLA STORIA. Visita guidata alle origini della civiltà del Delta Antico. Museo del Delta Antico Via Agatopisto, Comacchio FE. Alle 15.30, VISITA GUIDATA. Verso antichi porti. Alla scoperta di uno dei più importanti porti dell’Adriatico nell’antichità: Spina. Museo del Delta Antico – Via Agatopisto, Comacchio FE. Alle 17, VISITA GUIDATA. “Carico” di Storia. La nave romana con i suoi oggetti capaci di parlarci di storie di uomini e relazioni tra popoli. Museo del Delta Antico Via Agatopisto, Comacchio FE.

Adria. Al museo Archeologico nazionale per “Padusa incontri” pomeriggio su “Etruschi e Greci in Polesine. Novità archeologiche tra San Cassiano, Adria e San Basilio” con le ricerche portate avanti dalle università di Bologna, Padova e Venezia

Per “PADUSA incontri” appuntamento venerdì 20 maggio 2022, alle 14.30, al museo Archeologico nazionale di Adria con la conferenza “Etruschi e Greci in Polesine. Novità archeologiche tra San Cassiano Adria e San Basilio”. Programma: 14.30, accoglienza; 14.45, saluti delle Autorità (Comune di Adria, Fondazione Cariparo, Comune di Ariano nel Polesine, Comune di Crespino); 15, introduzione: Alberta Facchi (MAN Adria), Giovanna Falezza (Soprintendenza ABAP VR RO VI), Paolo Bellintani (CPSSAE); 15.15: modera e introduce: Giuseppe Sassatelli (UniBO); 15.30, Maurizio Harari (UniPV), Raffaele Peretto (CPSSAE), Federica Wiel-Marin su “San Cassiano, il Cavaliere e altre storie del Polesine etrusco”; 15.55, Giovanna Gambacurta (UniVE), Silvia Paltineri (UniPD) su “San Basilio. Le nuove indagini nell’insediamento preromano (2018-2021)”; 16.20 – 16.50, pausa caffè; 16.50, modera e introduce: Simonetta Bonomi (Soprintendenza ABAP FVG); 17.05, Maurizio Harari (UniPV) presenta il volume “Iscrizioni della città etrusca di Adria. Testi e contesti tra Arcaismo ed Ellenismo” di Andrea Gaucci; 17.30, Maria Cristina Vallicelli (Soprintendenza ABAP VE MET), Claudio Balista su “Adria – nuovi dati sulla storia dell’abitato – i carotaggi del progetto VALUE”; 18, chiusura lavori (Simonetta Bonomi). La partecipazione alla giornata è libera. Consigliata la prenotazione allo 0426 21612.

L’area archeologica di San Basilio, vicino ad Ariano Polesine: i reperti sono al museo di Adria (foto drm-veneto)

Incentrata sulle evidenze archeologiche etrusche e greche e frutto di collaborazione tra CPSSAE (Centro polesano studi storici archeologici ed etnografici), Direzione regionale Musei Veneto, Soprintendenze ABAP di Verona e di Padova, la giornata intende illustrare al territorio gli esiti dei più recenti studi di archeologia e delle ricerche sul campo condotti tra Adria, San Basilio di Ariano nel Polesine e San Cassiano di Crespino dalle università di Bologna, Padova e Venezia in collaborazione con i tre Enti organizzatori della giornata. Numerose Istituzioni e Amministrazioni comunali hanno sostenuto negli anni le ricerche oggetto di questa giornata, tra cui la Fondazione Cariparo con il progetto “Ritorno a San Basilio” e l’Ente Parco regionale veneto Delta del Po attraverso il progetto europeo VALUE. La pluralità di soggetti pubblici e privati coinvolti nello studio dell’antico Polesine, tra cui ricordiamo l’impegno per la ripresa delle indagini a Frattesina di Fratta Polesina, è il segno più evidente della possibilità per il territorio di collaborare nell’ottica della formazione di un “sistema” di archeologia partecipata, nella consapevolezza che proprio l’archeologia rappresenti un forte elemento identitario del Polesine e in particolare dell’area deltizia.

Adria. Al museo Archeologico nazionale presentazione della nuova Guida a cura di Alberta Facchi e Stefania Paiola per la collana “Quaderni della direzione regionale musei Veneto”

Copertina della nuova Guida del museo Archeologico nazionale di Adria

Il museo Archeologico nazionale di Adria rinnova la propria offerta culturale con la nuova guida: 175 pagine, foto a colori di qualità, testi e schede dei approfondimento. Sabato 30 aprile 2022, alle 17.30, nella sala conferenze del museo (via Badini, 59, Adria), presentazione a cura degli autori della nuova Guida del museo Archeologico nazionale di Adria, edita dalla Direzione regionale Musei del Veneto nella collana “Quaderni della direzione regionale musei Veneto” con il sostegno di BancAdria Colli Euganei Credito cooperativo italiano. Ingresso gratuito all’evento. Info e prenotazioni: 0426 21612. In museo si potrà acquistare una copia della guida (11.40 euro). La Guida è a cura di Alberta Facchi e Stefania Paiola. Testi di Giovanna Gambacurta e Loretta Zega. Schede tematiche di Sandra Bedetti, Fiorenza Bortolami, Alberta Facchi, Marta Franzin, Andrea Gaucci, Stefania Paiola, Cinzia Tagliaferro, Maria Cristina Vallicelli, Federica Wiel-Marin. Anche questa nuova edizione della guida come la precedente del 2012 si sviluppa seguendo il percorso museale e restituendone in maniera incisiva le chiavi di lettura: il visitatore è accompagnato alla scoperta del museo con testi suggestivi e un impianto grafico che aderisce ancora di più al racconto tra le sale e che si dipana attraverso il colore, da sempre cifra caratteristica dell’allestimento. Vera innovazione di questa nuova edizione è l’inserimento di schede focus che valorizzano, arricchendoli di approfondimenti e di dati scientifici aggiornati, alcuni dei temi, delle classi di materiali e dei singoli reperti dell’esposizione.

Adria. Il museo Archeologico nazionale, in occasione della Giornata internazionale della Donna, apre le porte per tutto marzo del Lapidarium dove ben 12 iscrizioni danno voce alle donne romane con peculiarità proprie del territorio adriese

Il Lapidarium del museo Archeologico nazionale di Adria (foto drm-veneto)

L’occasione è stata la Giornata internazionale della Donna, ma l’iniziativa del museo Archeologico nazionale di Adria vale per tutto il mese di marzo 2022: aprire le porte al pubblico del Lapidarium, uno scrigno di memorie incise su pietra, “per leggere ciò che le lapidi ci comunicano da millenni, soprattutto 12 voci femminili pronte ad accoglierci e raccontare la propria identità!”. Sette sono le stele dedicate a donne libere e quattro a liberte e a una schiava, vissute tra il I secolo a. C e il I secolo d.C., cittadine romane del municipium di Atria. “Dall’analisi di queste testimonianze funerarie adriesi, di per sé molto scarne e ascrivibili all’ambito funerario privato”, spiegano gli archeologi dell’Archeologico di Adria, “non è facile ricavare una ricostruzione esauriente della realtà adriese in epoca romana, ma rivelano una preponderante presenza femminile e sono inoltre numerose le iscrizioni in cui le donne sono menzionate individualmente, quindi non in funzione dell’uomo a cui sono state legate in vita (che fosse come figlia, moglie, sorella o madre). E l’ aspetto più interessante è che erano proprio loro a poter commissionare una lapide in onore di un parente defunto o per sé stesse: un’usanza per nulla diffusa nelle iscrizioni romane, ma caratteristica di quelle rinvenute nel territorio adriese”.

Il Lapidarium del museo Archeologico nazionale di Adria conserva ben 12 iscrizioni appartengono a donne romane (foto drm-veneto)

Una peculiarità – continuano – tutta locale, che affonda le sue radici nella civiltà etrusca, in cui le donne avevano una discreta autonomia e la possibilità di disporre di somme di denaro (magari derivate da proprie attività economiche): un incontro di civiltà che rese Adria il noto centro fecondo di contaminazioni multiculturali. Le donne nel mondo romano – concludono – godevano di un ruolo di maggior prestigio rispetto a quelle dell’antica Grecia; erano non solo custodi del focolare, ma anche responsabili della trasmissione dei valori romani alle future generazioni.

Adria. Al museo Archeologico nazionale riprendono gli appuntamenti del giovedì: si inizia con il prof. Alberto Andreoli su “La raffigurazione del delta del Po nella Tabula Peutingeriana”

Ricostruzione dell’ambiente polesano in antico (foto drm-veneto)

adria_archelogico_conferenze-di-marzo_locandina“La giornata volge al termine – raccontano al museo Archeologico nazionale di Adria -, lo si sente dal rumore degli zoccoli dei cavalli, più lenti e pesanti, stanchi di spingere il carro con i suoi rumorosi cigolii, Glaucus li sprona per l’ultima fatica, non vorrebbe arrivare tardi alla mansio e doversi accontentare di dormire in una squallida taberna. Ecco compare la prua della barca, che leggera solca appena le acque della fossa, grazie al traino lungo gli argini dei buoi. A Fossis il conforto di una tiepida serata è assicurato: la barca è protetta sotto il tetto della darsena, gli animali trovano ricovero in comode stalle, il padrone si gusta l’anguilla pescata nel pomeriggio dalla grande vasca che raccoglie le acque dalle Atrianorum Paludes e la bagna con il nettare spremuto dalla vite aggrappata ai monti di sabbia. Meglio comunque non esagerare con il vino scuro e profumato, domani il viaggio lungo la strada impervia tra le dune di sabbia non potrà procedere veloce. Recherà sollievo soltanto l’elegante tepidarium della Mansio Hadriani presso il grande Eridano, tra il lusso di intonaci dipinti, ci si lascia volentieri accarezzare dalla brezza marina. Così rinfrancato Glaucus potrà procedere veloce nel suo viaggio verso Ariminum”. Sarà stato questo lo scenario dell’antico Delta? Lo si può scoprire giovedì 3 marzo 2022, alle 17.30, al museo Archeologico nazionale di Adria dove riprendono gli appuntamenti del giovedì. Si comincia appunto giovedì 3 marzo 2022, alle 17.30, con la conferenza dal titolo “La raffigurazione del delta del Po nella Tabula Peutingeriana”, a cura del professor Alberto Andreoli. Prenotazione allo 0426 21612, drm-ven.museoadria@beniculturali.it. Ingresso gratuito all’evento.

Stralcio del terzo foglio del Codex Vindobonensis 324 (Tab. Peut. , segm. 3, 4-5AB) con la descrizione del corso inferiore del Po e dell’arco litoraneo adriatico compreso tra il delta padano e Tergeste (foto da Alberti, 2019)
alberto-andreoli

Il prof. Alberto Andreoli

“Qual è, dunque, il contributo offerto da questa straordinaria “descrizione pittorica del mondo antico” per la conoscenza della regione del delta del Po?” scrive Alberto Andreoli in “La raffigurazione del delta del Po nella Tabula Peutingeriana” in “Ambiente e società antica. Temi e problemi di geografia storica padano-adriatica. Atti della Giornata internazionale di Studi in ricordo di Nereo Alfieri Ferrara, 10 dicembre 2015″ (Ferrara, 2019). “La concezione unitaria del delta da Ravenna ad Altino – che emerge dalla lettura delle fonti geografiche antiche – corrisponde alla situazione idro-morfologica dell’antichità, quando le acque dei rami del Po e quelle di fiumi appenninici e alpini confluivano e si anastomizzavano in un’ampia frangia lagunare. Nella più antica restituzione grafica della regione le indicazioni relative al quadro ambientale sono limitate all’idrografia. Il territorio si presenta solcato da un articolato reticolo idrografico, disegnato in verde, imperniato sul corso serpentiforme del Fl(uvius) Padus e di una decina di tributari. . L’apparato deltizio vero e proprio è reso schematicamente col disegno di tre rami: uno, segnato più in alto (a Nord), denominato fluvius Brintesia; altri due, delineati più in basso (a Sud), tra loro prossimi, anonimi. Priva di qualsiasi caratterizzazione, la linea di costa è definita con un tratto continuo ondato. Correlati ai richiamati elementi fisici del paesaggio, figurano i dati relativi ai fattori antropici di organizzazione dello spazio: insediamenti e vie di comunicazione. Riguardo ai primi, a Est del torrente Paala (procedendo, in prossimità del Po, verso oriente) la Peutingeriana segnala i centri di Beloriaco, Verona, Mantua, Vice(n)tia, Pataius[sic!] e Hostilia; lungo il litorale marittimo, da Sud verso Nord, sono richiamate (perlopiù all’ablativo) le “località” di Ravenna, Butrio, Augusta, Ad padum, Sacis, Neronia, Corniculani, Radriani, VII Maria, Fossis, Evrone, Mino meduaco, Maio meduaco, Ad portu(m) e Altino. Di queste ventuno “sedi”, quattro sono indicate – oltre che col nome – con una vignetta: Ravenna è rappresentata, a “volo d’uccello”, come una città murata; Verona, Mantua e Altinum sono raffigurate, più semplicemente, con un disegno “a doppia torre” (tra di loro non esattamente identici). Ma una delle peculiarità, nonché motivo di distinzione, della Tabula è costituita dalla ricchezza di dati inerenti al sistema viario: descrizione di tracciati, indicazione di punti di tappa, nodi viari e distanze. Nel nostro caso di studio, una linea (rossa) spezzata, tracciata lungo il litorale, collega le vignette di Ravenna e Altinum. Si trova così documentato un collegamento itinerario tra i due importanti insediamenti lagunari: la frazione “deltizia” di un più lungo percorso litoraneo (stabilito tra Rimini e Aquileia), scomposta in quattordici tappe, con l’indicazione (ad eccezione di un paio di casi) delle distanze parziali. Una seconda linea rossa – grosso modo parallela alla precedente –, accompagnata dalla didascalia “Ab Hostilia Per Padum.”, attesta l’esistenza di un collegamento “padano” tra Ravenna e Hostilia, centro logistico su cui convergono altre due vie: una, proveniente da Como e Mediolanum, attraverso Laude pompeia, Acerras e “Cremona (m. p.) XXII. Beloriaco. Mantua.(m. p.) XL Hostilia.”; l’altra, dalla più vicina Verona, accompagnata dalla didascalia: “A Verona. Hostilia. Milia Passus. XXXIII.”. Dalla vignetta “a doppia torre” di Verona, disegnata presso il cuneo di confluenza del F(luvius) Afesia con il Padus, si dipartono altri tre tracciati. Una via che, passando per Ariolica, Brixia, Leuceris e Bergomum, conduce a Como; una strada diretta a Tredente e a Ponte Drusi, con destinazione finale Augusta vindelicu(m); un terzo itinerario che, sdoppiandosi a Vice(n)tia, si dirige: da una parte, via Opitergio e Concordia, ad Aquileia; dall’altra, via Pataius, ad Altino”.

Adria. Il museo Archeologico nazionale aperto a Ferragosto: occasione per visitare le collezioni che illustrano l’antica città greco-etrusca e poi romana

“Ebbene sì, il 15 agosto il museo Archeologico nazionale di Adria è aperto dalle 14.30 alle 19.30! Ricordiamo che la biglietteria chiude mezz’ora prima e… vi aspettiamo”. Il museo illustra le caratteristiche della città antica, greca ed etrusca, in stretta relazione con gli approdi costieri di San Basilio e Corte Cavanella di Loreo; sono illustrate le caratteristiche della vita quotidiana, dei rituali funerari, il delicato passaggio all’epoca romana e la fase romana imperiale, con particolare attenzione alla sua caratteristica di città multietnica, vero ricettacolo di diverse tradizioni, lingue, cultura, istanze religiose. Tra i nuclei più importanti delle collezioni museali si collocano i numerosi reperti di ceramica attica a figure nere e rosse, i preziosi rinvenimenti dalle necropoli, arcaiche ed ellenistiche, arricchite da oggetti in ambra e pasta vitrea oltre che dalla gioielleria etrusca in oro e argento. Famosa è la cosiddetta “Tomba della Biga”, del III secolo a.C., con carro deposto con la sua pariglia di cavalli e con un terzo cavallo, da sella, al seguito. Il contesto di scavo, interamente recuperato nel 1938, forma uno dei focus di attenzione nella visita delle necropoli ellenistiche. Nelle sezioni dedicate alla romanizzazione e all’età imperiale spiccano i documenti di riorganizzazione del territorio, come il miliare di Popilio Lenate, che testimonia del transito della via Popillia in città, e alcune decorazioni di carattere monumentale. L’attenzione è attratta dalla spettacolare vetrina dei vetri romani, dove vetri soffiati a mano libera e in matrice, a nastri policromi, murrini, a reticolo, ad intaglio sono valorizzati attraverso una gestione computerizzata dell’illuminazione.

All’Archeologico prima visita guidata alla mostra “Adria anche dopo i tempi romani” oggi parte integrante del percorso museale. E da sabato novità ai musei di Adria, Fratta Polesine ed Este: visita guidata con la nuova app “Attenti al lupo!” per un percorso multimediale immersivo, fatto di video e realtà aumentata

La locandina per la visita guidata alla mostra “Adria anche dopo i tempi romani” al museo Archeologico nazionale di Adria

In occasione dei 200 anni dalla nascita di Francesco Antonio Bocchi, giovedì 20 maggio 2021, alle 17.30, al museo Archeologico nazionale di Adria, la prima visita guidata, a cura di Sandra Bedetti, alla mostra “Adria anche dopo i tempi romani”. La mostra, che risale al 2018, è diventata ormai parte integrante dell’allestimento del museo, venendo a colmare un periodo della storia adriese, quello rinascimentale, poco trattato. La visita guidata è gratuita con il biglietto di ingresso al museo. Ingresso gratuito per i possessori di abbonamento. Prenotazione obbligatoria allo 042621612.

Un prezioso piatto rinascimentale della collezione Bocchi in mostra ad Adria (foto pm-veneto)

La storia di Adria non si ferma al mondo Antico, come già aveva acutamente osservato nell’Ottocento Francesco Antonio Bocchi, il “padre” dell’archeologia adriese: “…L’arte figulina durò in Adria anche dopo i tempi romani. Non è quindi un caso se proprio al museo Archeologico nazionale di Adria (Ro), un po’ per rendere omaggio alla famiglia Bocchi, un po’ per restituire per la prima volta alla città di Adria un pezzo dimenticato della sua storia, nel dicembre 2017, sia stata inaugurata la mostra (oggi come detto parte integrante del percorso museale) “…Adria anche dopo i tempi romani… Il Rinascimento ritrovato della collezione Bocchi”, su ideazione e coordinamento di Alberta Facchi e Antonio Giolo, e curata dall’archeologa Sandra Bedetti e da Luca Doria, giovane studente dell’ateneo patavino che ha compiuto un lungo tirocinio per l’inventariazione e la ricerca del materiale e il riscontro dei pezzi con l’inventario originale redatto da F. A. Bocchi (vedi “…Adria anche dopo i tempi romani… Il Rinascimento ritrovato della collezione Bocchi”: dai magazzini del museo Archeologico nazionale di Adria per la prima volta esposte in mostra le preziose ceramiche del XVI secolo. Con l’occasione si lancia il restauro di una “pianella” (sandalo rinascimentale veneziano ad alto tacco) da finanziare con l’Art Bonus | archeologiavocidalpassato).

Sabato 22 maggio 2021, al museo Archeologico nazionale di Adria, al museo nazionale Atestino di Este, e al museo Archeologico nazionale di Fratta Polesine arriva la novità: “Attenti al lupo”! Dal 22 maggio infatti il museo si potrà visitare con una nuova narrazione, quella ideata – sulla base della leggenda narrata dallo storico Strabone – da Talea Teatro e TOP-Teatri Off Padova. L’orma di un lupo diventa la chiave di accesso per un percorso multimediale immersivo, fatto di video e realtà aumentata, che mette in relazione i tre musei. Il percorso di visita, attivabile tramite la app di Museum Alive (disponibile gratuitamente per Android e iOS), viene presentato sabato 22 maggio, alle 11.30, con ingresso solo su invito. Nel pomeriggio, seguiranno due visite alle 15.30 e 16.30: due turni di visita guidata all’uso della App da parte del gruppo teatrale Talea Teatro. Prenotazione obbligatoria (max 12 persone). Ingresso a pagamento, ad eccezione dei possessori di abbonamento. Tutte le attività si svolgono nel rispetto della normativa anti Covid.

Adria. Il museo Archeologico nazionale apre martedì 27 aprile. Fissate le aperture festive di maggio

Il museo Archeologico nazionale di Adria riapre il 27 aprile 2021

“Siete pronti? – chiede alla community social lo staff del museo Archeologico nazionale di Adria. “Sì, siete prontissimi a tornare al museo, lo sappiamo, e noi vi stiamo preparando delle sorprese per le prossime settimane”. E ora c’è anche la data: il museo archeologico nazionale di Adria riapre martedì 27 aprile 2021 con i seguenti orari: martedì-sabato dalle 14.30 alle 19.30 (biglietteria chiude mezz’ora prima). Aperture festive di maggio: sabato 1°, domenica 2, domenica 9, domenica 23. Chiuso le altre domeniche e tutti i lunedì. Attenzione: per il sabato e i festivi prenotazione obbligatoria almeno il giorno prima al drm-ven.museoadria@beniculturali.it  o allo 0426 21612.