Archivio tag | Gabriello Anselmi

Verona. Con Archeonaute alla villa romana di Valdonega presentazione del libro “La Valdonega” e visita guidata al sito archeologico

Una veduta generale della villa romana di Valdonega, a Verona, che risale al I d.C.

Appuntamento doppio domenica 28 aprile 2019 alla villa romana di Valdonega, in via Zoppi a Verona, con l’associazione Archeonaute. Alle 17, presentazione del volume “La Valdonega. Un quartiere tra città e campagna” di Lucia Bisi e Gabriello Anselmi. Seguirà una visita guidata gratuita alla villa romana per tutti i partecipanti. Prenotazione obbligatoria. Per info e prenotazioni: archeonuate@gmail.com; sms 3472213090 – 3477696088.

Il libro “LA VALDONEGA. Un quartiere tra città e campagna” (Edizioni della Vita Nova)

Il libro “LA VALDONEGA. Un quartiere tra città e campagna” (Edizioni della Vita Nova) si propone di riempire un vuoto, indagando la storia di una vasta area di Verona, tra città e collina, finora non considerata negli studi di storiografia urbana: il quartiere della Valdonega. Chi sono i due autori? Lucia Bisi, architetto e scrittore. Vive lavora tra Verona e Milano. Ha svolto per diversi anni attività di docente alla Facoltà di Architettura Politecnico Milano-Bovisa. È autrice di numerosi saggi di storia dell’architettura e dell’urbanistica lombarda, e di opere i narrativa. Gabriello Anselmi, si laurea allo Iuav di Venezia nel 1974. Arte e architettura saranno gli strumenti d’indagine delle sue numerose iniziative che affronteranno importanti temi della contemporaneità. Autore di varie pubblicazioni sul tema del paesaggio, dell’arte in città e delle trasformazioni urbane.

La pianta della villa romana di Verona

La residenza privata romana di Valdonega venne costruita nel I sec. d.C. al di fuori dell’impianto urbano di Verona. I dati oggi disponibili consentono di interpretarne parte del piano terra, ma si ipotizza che l’edificio fosse articolato su più piani e a livelli diversi, secondo il pendio del terreno. Della villa sono oggi visibili tre ambienti, affacciati su un portico a L (di cui si vedono le basi delle colonne) probabilmente aperto su un cortile o su un giardino e in stretta connessione con essi (vedi https://archeologiavocidalpassato.wordpress.com/2017/10/10/la-villa-romana-di-valdonega-a-verona-come-non-lavete-mai-vista-in-soprintendenza-focus-sulla-residenza-del-i-sec-d-c-alle-pendici-suburbane-dei-lessini-con-un-filmato-in-3d/).